Alborellamania ad Ostiglia Lombardia

Alborellamania ad Ostiglia


ALBORELLA SEMPRE PRESENTE IN CANAL BIANCO AD OSTIGLIA

Dopo aver parlato deò Fossalta Inferiore in zona Sermide che continua a regalare una buona pescosità tra carassi e carpette, torniamo nei dintorni di Ostiglia per spendere due parole sul Canal Bianco, che tra l’altro ospiterà ancora della manifestazioni di pesca a feeder nel mese di novembre. Ma non è di feeder che vogliamo parlare in questo breve articolo, nonostante erano presenti diverse pescatori sulle sponde dell’ormai famosissima quinta zona, piuttosto di una pesca che quest’anno è ritornata alla grande in questo tratto di Canal Bianco e non solo: la pesca in canna fissa. Attenzione però, non si parla della pesca con canne fisse alla ricerca di carassi e breme ma della cara e vecchia pesca all’alborella. Questo perchè il piccolo ciprinide che un tempo dominava in tutte le acque italiane, è tornato alla grande in questa zona del mantovano, dopo essersi diffuso improvvisamente nel Po a valle di Isola Serafini. Il Canal Bianco ospita un’altissima presenza di alborelle di un ceppo non italiano in quanto raggiunge delle dimensioni decisamente grosse. Personalmente ormai mi reco sul campo gara quasi più per andare a pesca di alborelle con la tre metri fissa, che per pescare con la roubaisienne od il feeder. Complice forse anche le temperature mattutine più fredde delle settimane precedenti, che portano ad una densa foschia in tutte le campagne circostanti, l’alborella sembra entrare in attività solamente con l’arrivo dei raggi del sole sull’acqua. In due ore il risultato è eccellente ed è quello che potete vedere nella foto.