PESCA AL COLPO

Avole di Ferragosto in Canal Bianco


IL FERRAGOSTO AD ALBORELLE ALLE CALANDRE IN CANAL BIANCO

A Ferragosto, in attesa della grigliata di mezzogiorno, dove si va a pescare per qualche ora? Naturalmente a Le Calandre, nella nuovissima quinta zona del campo gara di Ostiglia sul Canal Bianco. Diversamente dalle precedenti pescate che venivano affrontate in particolar modo con la tecnica del feeder, con buoni risultati, questa volta la scelta è stata quella di cambiare completamente tipologia di canna e catture dedicandosi alla pesca dell’alborella. Questo piccolo ciprinide negli ultimi tempi sembra aver aumentato sempre più la propria popolazione, al punto che già in occasione della primissima gara a feeder svoltasi in questo nuovo campo gara, più di una persona aveva provato a pescare l’alborella con il feeder a pochi metri di distanza da riva. Partenza alle ore 7 ed arrivo sul campo gara dopo un quarto d’ora con una sorpresa inaspettata: la quantità di pescatori presenti sul campo. Sembrava che ci fosse una gara, ma in realtà erano normalissimi pescatori che hanno avuto la nostra stessa idea. Dopo esserci posizionati in un tratto di campo gara libero, abbiamo montato le nostre canne da tre metri con una montatura costituita da galleggianti Tesse, bulk di piombini a dieci centimetri dall’amo, quest’ultimo scelto nella misura del n.20 ed ovviamente un chilo di pastura da alborella. Si inizia a pescare e catturare con un ritmo decisamente alto. Dopo alcune catture ci accorgiamo però che è necessario cambiare la dimensione dell’amo, ovvero bisogna aumentare la dimensione in quanto troppo piccolo per la taglia delle alborelle presenti. Oltre alle alborelle sono state diverse anche le catture di bremettine, il che ci obbliga a trovare un espediente per tagliare fuori questi alloctoni. La soluzione la troviamo in una canna da quattro metri, che ci permette di allungarci e continuare a prendere le avole. Dopo un paio di ore di pesca la pesata vede un quantitativo di 2800 grammi per me e di 2400 grammi per il mio compagno di giornata. Oltre cinque chilogrammi in due, un peso a dir poco eccezionale se consideriamo che stiamo parlando di una pescata effettuata solo ad alborelle. Dopo aver rilasciato le avole catturate in questi 120 minuti di pescata, salutiamo gli altri pescatori provenienti dalle province di Bergamo e Brescia per fare direzione verso casa e, soprattutto, verso la grigliata di mezzogiorno.




Importante sottolineare che, per chi fosse intenzionato a farsi una pescata ad alborelle in quel di Ostiglia o in generale nelle acque della provincia di Mantova utilizzando la nassa, è obbligatorio svuotare il pescato in acqua dopo aver raggiunto i tre chilogrammi di alborelle.

Il negozio di riferimento per il campo gara di Ostiglia in tutte le sue zone è Cugola Pesca Italiana situato a soli due chilometri dal canale – CLICCA QUI