NOTIZIE DAL MONDO

Campi gara Volturno – Situazione critica a Capua


IL VOLTURNO  IN PIENA HA ELIMINATO I CAMPI DI CAPUA

Una decina di giorni fa la Campania ed in particolare il casertano ha dovuto fare i conti con una fortissima alluvione che ha messo in ginocchio la maggior parte delle città e paesi situate sulle rive del Volturno. Il più importante fiume del Sud Italia si è ingrossato come non gli capitava da diverso tempo al punto che ad un certo punto il proprio letto non è più bastato per contenere la massa d’acqua in arrivo dalle zone più a monte. La città di Capua ha subito molti danni. Ma oltre a subire enormi disagi la popolazione, anche la pesca ha subito dei grossi danni. Da appena un anno e mezzo il Volturno era tornato nell’èlite dei campi gara nazionali grazie all’impegno della sezione provinciale fipsas assieme alle autorità locali. I campi gara di Paperino e Campo Sportivo erano risorti e già si stava lavorando per ampliare ulteriormente la capienza degli impianti per tentare di portare in Campania alcune importanti manifestazioni. Un progetto ambizioso, che purtroppo deve subire una brusca frenata dei lavori a causa di questa alluvione. A distanza di alcuni giorni il Volturno è tornato nel proprio letto, anche se il livello idrometrico è ancora più alto del normale e la colorazione dell’acqua è completamente marrone. I campi gara purtroppo non esistono più e le foto sono eloquenti. Nel tratto di Paperino diversi alberi sono stati quasi sdradicati dalla furia delle acque e si sono piegati dentro il fiume andando quasi a chiudere per intero il letto. In diversi punti inoltre la sponda è franata ed è stata portata via dal Volturno. Ora come ora non c’è molto da fare per i pescatori, che non hanno più non solo un campo gara dove svolgere le proprie manifestazioni, ma nemmeno un posto per andare a pescare. L’unica speranza è riposta nelle autorità locali e regionali, che si impegnino per farsi carico della situazione e riportino lo stato dei campi gara e del fiume stesso allo stato precedente, ovvero ad almeno due settimane fa. Purtroppo siamo dell’idea che la Fipsas con le proprie forze non sia in grado di sostenere i costi troppo elevati per riportare al meglio tutto il tratto di fiume utilizzato per i campi gara. Fishingmania vi terrà continuamente aggiornati sull’evolversi di questa situazione