Cavo Lama Aggiornamento PESCA AL COLPO

Cavo Lama – Piano piano in positivo


MIGLIORAMENTI PER IL CAVO LAMA

Siamo a metà giugno. Per il Cavo Lama è arrivato il momento della verità. Dopo le non incoraggianti notizie provenienti dalle gare di maggio, a oggi il canale sembra dare qualche segnale positivo in più. Non siamo ai livelli di pre-terremoto. Al tempo la normale media era di due/tre chili per tutto il canale, con punte di sette e passa chili. Il tutto costituito prevalentemente da carassi da oltre un etto e qualche carpa.




La taglia del pesce è notevolmente calata. Si allamano prevalentemente carassini da dieci a cinquanta grammi. In più numerose carpette, ancora più piccole. La pesca si sviluppa su tutto l’asse del canale. Da quella sottoriva, in particolar modo nei tratti in cui vi è molta cannetta palustre che si protrae in acqua. A sette pezzi di roubaisienne alla ricerca di carpe anche di taglia. Fino all’inglese sulla sponda opposta. Col caldo è arrivata anche la pesca a galla, frequente di cattura, ma con esemplari di piccola taglia.

I risultati migliori si ottengono con esca appoggiata sul fondo o staccandosi di qualche centimetro verso fine gara sia a cagnotto che a verme. Il chicco di mais regala il jolly con carassi di taglia da oltre due etti e carpe di ogni taglia. Domenica 14 giugno a Ca Rossa, dove si è svolto il provinciale di Varese. La media è stata sopra i tre chili, leggermente inferiore nel tratto centrale e ancora più bassa. A valle, nel tratto delle Botti gareggiava Piacenza.

Notizie di bassa pescosità nella parte alta a ponte Cappello dove per vincere sono bastati meno di due chili contro i tre/quattro delle zone di valle. L’acqua è rimasta permanentemente ferma consentendo la pesca con lenze molto leggere e galleggianti all’inglese fra i sei e i quindici grammi. Con l’arrivo del forte caldo e la necessità di irrigare, è facile trovarsi in situazione di acqua più o meno corrente che imporrà un adeguamento dell’impostazione di pesca con lenze più pesanti e linee di pesca differenziate.

In considerazione dell’elevato numero di carpette, la prospettiva è quella di un incremento abbastanza rapido della taglia del pesce con l’arrivo dell’autunno e la speranza che tutto questo pesce venga salvato nel periodo di asciutta per avere nella prossima stagione un Cavo Lama all’altezza della sua fama.