PESCA AL COLPO

Che tempo alla seconda prova dell’Highlander Maver


2° QUALIFICA HIGHLANDER MAVER MONZA

Appena una settimana fa si svolgeva la gara inaugurale del Trofeo Highlander Maver Monza, la gara ad eliminazione diretta che vedrà prevalere l’Highlander ovvero colui che saprà passare tutte le singole sfide, gara dopo gara. Se lo scenario della prima prova era prettamente primaverile, in questa seonda prova del 1 marzo, la pioggia è stata la protagonista numero uno al punto da scoraggiare la permanenza dei compagni di squadra di molti concorrenti. il campo di gara è sempre lo stesso la Cava Nord situata dell’omonimo parco di Paderno Dugnano, una decina di chilometri a nord di Milano. Passano sette giorni, inizia marzo, ma sembra di essere tornati indietro di tre mesi. Ombrelloni aperti, tanta acqua, troppa pioggia. Oddio, niente di così strano, ormai dovremmo esserci proprio abituati a condizioni di questo tipo. Un vero peccato però, perchè una manifestazione così interessante come questa dovrebbe sempre svolgersi sotto il sole con gli spettatori ad assistere gli sfidanti. Comunque altri 25 concorrenti a giocarsi i cinque posti rimanenti per accedere alla semifinale che si svolgerà sempre il sabato successivo. Venticinque agonisti tutti presenti settimana scorsa alla prima prova di qualificazione per cercare di carpire i segreti del lago e come affrontare al meglio la pesca. Una pesca difficile viste le condizioni, condizionata dall’insistente pioggia, ma con un indice di pescosità leggermente maggiore rispetto a sette giorni fa, con i primi numeri alle prese con pesci di minor taglia rispetto alla parte opposta del lago però dove si sono viste carpe di peso ragguardevole. Niente di diverso comunque dalla gara precedente sotto il profilo tecnico. Partenza sotto la punta della tredici metri per poi allungarsi a filo lungo per fare la differenza dopo metà gara. Per la cronaca il cagnotto si è rivelato ancora vincente con il chicco di mais come alternativa nei casi più disperati; solo tre i cappotti.




Se i primi semifinalisti erano nomi di tutto rispetto, anche i secondi semifinalisti non sono da meno. A vincere i propri settori composti da cinque concorrenti sono stati: nel settore 1 Greco con 19.200, nel settore 2 Cappellini 19.550, nel terzo settore si è verificato un ex aequo fra Danielli e Scavino accreditati entrambi di 11.800 punti i quali passano di diritto alla prossima selettiva che vedrà un concorrente in più rispetto al programma iniziale. Proseguiamo con il quarto settore vinto da Galbiati con 13.950 mentre nel settore 5 vittoria di Luigi Sacco con 14.050.

Non si può dire che non sarà una semifinale infuocata, almeno dal punto di vista dell’agonismo. Per quanto riguarda il meteo ancora non lo sappiamo, da qui a sette giorni chissà quante volte cambieranno ancora le previsioni.

Come al solito grande merito va agli organizzatori che hanno fatto di tutto per far si che la manifestazione procedesse nel migliore dei modi, andando addirittura a migliorare il campo gara rispetto alla prima gara. Infatti durante la settimana sono state fatte delle opere di pulizia dello specchio acqueo, in quanto in alcuni punti erano presenti degli incagli dovuti a lenze sommerse o simili. Anche per questa selettiva sono stati premiati i primi tre di settore; con una bottiglia di vino e un salame. A tutti i partecipanti in omaggio la maglietta dell’evento. Prossimo appuntamento a sabato 8 marzo quando ci sarà la finalissima dell’Highlander Maver Monza Day 2014 che inizierà al mattino con la gara di tre ore valida per la semifinale e due settori da cinque. I vincitori dei rispettivi settori andranno a sfidarsi in una gara uno contro uno, più due civette per ogni concorrente, nella finalissima del pomeriggio della durata di 120 minuti.

CLICCA QUA per visionare tutte le foto