Club Azzurro Giovanile pesca al colpo 2016 PESCA AL COLPO

Club Azzurro Giovanile 2016 – Inizio in un buon Cavo Lama


INIZIO IN CAVO LAMA PER IL CLUB AZZURRO GIOVANILE 2016

Nella giornata odierna di sabato 27 agosto ha preso il via l’edizione 2016 del Club Azzurro Giovanile di pesca al colpo che vede impegnate quattro categorie: Esordienti, Giovanissimi, Allievi e Juniores. Buona la risposta del Cavo Lama, campo gara designato per questo primo week end di gare, che ha regalato un’ottima pescosità agli oltre 120 under 25 partecipanti a questa manifestazione che porterà alla formazione delle nazionali giovanili 2017. Calda giornata di fine agosto in terra modenese, con il canale che si è presentato in perfette condizioni. Inizialmente la corrente è risultata ferma finchè a pochi minuti dall’inizio della gara non ha iniziato a muoversi obbligando l’utilizzo di grammature fino a circa tre grammi di peso. La pescata è stata impostata principalmente a roubaisienne da parte della maggioranza dei presenti, anche se qualcuno ha preferito cercare di basare gran parte della propria gara con la canna fissa corta, sfruttando l’alta presenza di carassietti e carpette nel sottoriva.




La prima giornata di gara ha visto i seguenti assoluti: Giorgia Morgon della Pesca Sportiva Canna D’Oro Trabucco con oltre quattro chilogrammi di peso negli esordienti. Filippo Beltrami della Borghigiana Pellicano Maver con oltre sei chilogrammi negli juniores. Andrea Aguzzoli de Il Vairone Tubertini con cinque chili. Filippo Andreotti della Alap Tau Lucca Maver con 5380 grammi negli allievi. Domani la seconda prova organizzata sempre dall’ottima Euroteam Giallo Blu che ha picchettato alla perfezione la gara odierna, dando anche tutti i segnali acustici da quello del controllo esche, a quelli della pasturazione, tra cui anche quello di un minuto di silenzio prima del via in memoria delle vittime del terremoto della provincia di Rieti.

Da sottolineare lo spostamento del secondo week end di gare dal Canale Navigabile di Spinadesco al Lago di Corbara sempre nelle date del 10 ed 11 settembre. Una scelta da molti poco condivisa vista la situazione presente a circa una cinquantina di chilometri dal campo gara, a causa della zona recentemente terremotata. La motivazione ufficiale sembrerebbe riguardare la tipologia di pesca del bacino umbro che è molto simile a quella che le nostre nazionali incontreranno in Irlanda il prossimo anno. Ci sta come motivazione, ma il campo gara del mondiale 2017 si conosceva già da diversi mesi, perchè cambiare destinazione a due settimane dalla gara, considerando anche i funesti eventi di pochissimi giorni fa?