PESCA AL COLPO

Club Azzurro Giovanile – Partenza in Idrovia Veneta


CLUB AZZURRO GIOVANILE IN IDROVIA

L’Idrovia Veneta in quel di Padova torna protagonista di un Club Azzurro giovanile di pesca al colpo a distanza di quasi dieci anni. E lo fa nel modo migliore presentandosi al meglio sia dal punto di vista estetico, con le sponde rimesse a posto ed il prato quasi all’inglese, sia dal punto di vista della pescsosità. A ben guardare, dai pesi potrebbe sembrare che si sia preso poco, ma così non è stato. Si, perchè nonostante ci siano stati diversi pesi inferiori ai tre chilogrammi, è stato il numero di catture a destar “scalpore”, con situazioni in cui sono stati catturati fino ad un centinaio di pesci, come non accadeva dal Cavo Lama dei tempi d’oro. Naturalmente, come già successo durante i primi Club Azzurri giovanili ospitati dal canale padovano, alcuni picchetti hanno garantito la cattura di più pesci “pesanti” come lo sono i carassi. Pesci non di taglia enorme, ma comunque sufficienti per far impennare il peso segnato dalla bilancia. Il canale come al solito si è trovato fermo, con la corrente praticamente assente. Una condizione perfetta sia per la pesca a roubaisienne, che per la canna all’inglese. Peccato però che la seconda tecnica era vietato in quanto la gara è stata “tecnica” a roubaisienne con fouilles e ver de vase. D’altronde quest’anno il mondiale sarà in terra olandese sulle breme, con la pesca che molto probabilmente verterà sulle piccole larve di zanzara. A proposito di ciò, a breve dovremo avere maggiori notizie direttamente dai nostri collaboratori olandesi. Acqua ferma, ma comunque galleggianti fino a due grammi per tentare di ingrossare di qualche decina di grammi la taglia dei pesci. Più che la pastura, la terra ha fatto la differenza sia usata sottoforma di terra di somma, per sfumare e creare il macchione, sia sottoforma di terra di riva o di talpa qual si voglia, per cercare di richiamare qualche breme più grossa o carassi. Nuovo anno, nuovi commissari tecnici come ben saprete, con Guicciardi e Defendi (solo il sabato quest’ultimo per la concomitanza con l’Italiano Senior) per gli under 23, Teodoro e Ballabeni per gli under 18 e Michele Natal per i più piccolini. Prossima prova tra sole due settimane durante il ponte della Festa della Repubblica con le gare domenica 1 giugno e lunedì 2 giugno.




Club Azzurro che ancora una volta è stato diviso in quattro categorie ma che, differentemente dagli ultimi anni, non è stato particolarmente numeroso. Al momento tra gli under 14 in testa c’è Corradi Cristian del Team Pesca Il Borghetto Maver con tre penalità, davanti a Paladini Cristian de La Valle Milo con quattro punti ed il nazionale uscente Jean Pierre Signorin dei Pescatori Padovani Tubertini con cinque penalità.

CLASSIFICA PROGRESSIVA

1° PROVA

2° PROVA

Per quanto riguarda gli under 16 comanda i sedici presenti Aguzzoli Andrea de Il Vairone Maver con tre penalità. Più staccati a sei punti il secondo e terzo in classifica che sono Teso Paolo e Ferrazzo Giacomo, entrambi soci della Jolly Eraclea.

CLASSIFICA PROGRESSIVA

1° PROVA

2° PROVA

Manzardo Mattia de La Casaleonese Colmic guida i ventiquattro under 18 con il punteggio di due penalità in due gare, davanti a Missaglia Arturo dei F.lli Campana Tubertini e Loro Riccardo della G.P.O. Imolese Tubertini, rispettivamente con 5 e 6 punti.

CLASSIFICA PROGRESSIVA

1° PROVA

2° PROVA

Tra i più grandi la testa della classifica è di Filippo Beltrami della Leonessa Brescia Colmic che proprio quest’anno è passato di categoria dopo aver disputato i mondiali in Francia con gli under 18 lo scorso anno.

CLASSIFICA PROGRESSIVA