Copa Milo Merida 2017 Milo pesca

Copa Milo Merida 2017


COPA MILO MERIDA 2017 – ROSSO MILO IN SPAGNA

Milo in Italia, Milo in Spagna. E’ nota la fama dell’azienda milanese anche in territorio spagnolo. Molti dei prodotti in “Rosso” sono infatti ben distribuiti ed apprezzati dai pescatori iberici, Portogallo compreso. A creare questo interesse attorno al marchio è sicuramente l’opera pluridecennale di Tomas Romera Perez, il distributore Milo in Spagna. Tomas è l’organizzatore del grande evento primaverile che si svolge sotto il nome di Merida Master. Una manifestazione internazionale di pesca al colpo che vede sempre un’altissima partecipazione dall’Italia.




Il Merida Master è sicuramente l’evento con maggiore risonanza europea. Ma oltre a questa manifestazione, con Milo sponsor principale, ci sono tante altre competizioni simili che sono più locali. Esattamente un mese fa ci fu la Copa Milo Canarias. Una manifestazione di pesca al colpo, in mare, proprio nelle isole Canarie. Oltre a ciò ogni mese c’è una manifestazione in diverse parti della Spagna, che riscuote sempre molta partecipazione.

Ma una delle più sentite è sicuramente la Copa Milo Merida. Un evento che può quasi essere considerato come un Milo Day Espana, che si svolge proprio sul Rio Guadiana di Merida. La fotocopia autunnale dell’evento più importante di inizio primavera. In questo caso la partecipazione è stata di ben cento concorrenti. La maggior parte composta quasi esclusivamente da pescatori spagnoli, provenienti da tutta la nazione, con qualche portoghese. L’eccezione del 2017 è stata la presenza italiana di Marco Frigerio con Giorgio Biassioni e Cesare Arienti.

Gara secca, svoltasi solamente nella giornata di domenica 12 novembre. Naturalmente trovandosi nel centro della Spagna e sopratutto a poche decine di chilometri dal Portogallo, la temperatura è decisamente più calda dell’Italia. I presenti hanno pescato sia sabato, giorno di prove, che domenica con tempo soleggiato e circa una ventina di gradi. Condizioni perfette per la pesca. Ancora meglio se ci si trova in Spagna a novembre.

Il fiume ha risposto davvero bene, con una pescosità costituita principalmente da carassi di buona taglia. Non tantissimi pesci, ma comunque una pescata decisamente tecnica da interpretare ora per ora. Due le tecniche principali: canna all’inglese e roubaisienne. La prima ha regalato diverse indicazioni durante la prova del sabato, specialmente durante la mattinata. Nel pomeriggio, come ci ha detto Marco Frigerio del negozio Frigerio Pesca, è stata la roubaisienne la tecnica regina. Come già detto tanti carassi, mentre gli ibridi sono stati pressochè assenti.

La prova del sabato è stata alla fine la fotocopia della gara. A seconda della zona c’è stata più o meno pescosità. Marco Frigerio vince il proprio settore ed arriva quinto assoluto con poco meno di otto chili catturando circa una decina di carassi. Il primo assoluto David Torres quasi triplica il peso con oltre venti chilogrammi. Secondo Angel Mendoza con 18600 grammi. Quarto il padrone di casa Tomas Romera con quattordici chili e mezzo.

La pesca si è sviluppata per le prime due ore all’inglese catturando in particolare carassi e qualche carpa. A seguire in molti si sono accorciati pescando con la roubaisienne. Per l’occasione è stato istituito anche un settore a feeder che ha visto la vittoria di Rafael Infante con 28700 grammi.

Un evento che ha avuto un gran successo sia in termini di partecipazione, sia in termini di pescosità. Chissà che con il tempo non inizi ad avere maggiori partecipazioni anche dall’Italia, sfruttando sia la fine della stagione agonistica, sia l’occasione di trovare più caldo dell’Italia.

Per Fishingmania – Tomas Romera e Frigerio Pesca