PESCA AL COLPO

Di nuovo a pesca in Po – Il racconto di un lettore


IL RACCONTO DI UN UTENTE SULLA PROPRIA PESCATA IN PO

Da ormai alcune settimane in tutta la Pianura Padana le precipitazioni sono decisamente scarse e questo va tutto a favore della pesca in uno dei posti storicamente maggiormente battuti in questo periodo: il Po in prossimità di Isola Serafini. Uno degli spot che fino ad un paio di anni fa vedeva presenti decine e decine di pescatori fin dalle prime ore del mattino per accaparrarsi i posti migliori. Lo scorso anno a causa della forte piena del Grande Fiume, la pesca non è stata molto possibile, con pochissimi giorni in cui il livello è rimasto ottimale per favorire sia la pesca in bolognese, sia con il feeder. Inoltre, con la realizzazione della nuova conca di navigazione sono cambiate tante cose. Il cosiddetto Po Morto ormai non esiste più e la corrente è sempre presente. Per mesi abbiamo ricevuto mail in cui ci veniva chiesto quale fossero le condizioni del Po, con esito negativo la maggior parte delle volte. Finalmente dopo tanti mesi l’amico Marco è riuscito a partire dalla zona torinese per recarsi a fare una pescata ad Isola Serafini, in un “inseguimento” durato quasi due anni! Ed ecco allora che nel week end appena passato ha voluto tentare il tutto per tutto e vedere se i vecchi posti attorno ad Isola Serafini regalano ancora una buona pescosità, cosa che lo scorso inverno sembrava quasi totalmente inesistente per motivi a dir poco sconosciuti.




Le condizioni trovate da Marco e dal suo socio sono state a dir poco ottimali per la pesca con una bolognese da sette metri. Il livello idrometrico a Piacenza segnava +0.30 cm, quindi altezza perfetta per la pesca e l’acqua si è presentata decisamente limpida. Utilizzando sia cagnotti che pastura al formaggio di colore rosso ed una montatura realizzata con un classico galleggiante da pesca in corrente da 10 grammi, con un finale robusto da 0.18 mm ed un amo generoso del n.8, i pesci hanno mangiato con continuità. I barbi di taglia media attorno agli 800 grammi sono stati quelli più gettonati, anche se non sono mancati alcuni esemplari tra 2,5 e 3 chilogrammi di peso. La sorpresa di giornata però è stata la cattura di una stupenda carpa da oltre cinque chilogrammi di peso, perfetta per una bella foto prima di essere rilasciata nel suo ambiente naturale. Grazie alla giornata non ancora fredda sono stati in tanti i pescatori presenti sulle sponde ancora umide, forse a causa dell’abbassamento del fiume. Feeder e pesca al colpo, queste le tecniche utilizzate da chi si è portato nel week end ad Isola Serafini. Diversamente dalle aspettative sono mancate le catture di breme, a parte qualche esemplare di piccola dimensione.

Isola Serafini sta tornando? Ce lo auguriamo vivamente per movimentare un po’ l’inverno che ci aspetta!