Oltrarno Colmic Feeder in festa PESCA A FEEDER

Festa Oltrarno Colmic Feeder di Natale 2016


RADUNO OLTRARNO COLMIC FEEDER FINE 2016

Ormai è diventata una tradizione. I ragazzi dell’Oltrarno Colmic Feeder si sono trovati tutti assieme ai Laghi di Faldo per l’ultima pescata assieme del 2016. Raduno che ha avuto luogo sabato 3 dicembre e l’impianto di Umbertide era quello più adatto per l’occasione.




Scelta dettata anche dalla distribuzione geografica dei partecipanti. I laghi di Faldo sono facilmente raggiungibili comodamente da ogni parte d’Italia. Occasione perfetta per ritrovarsi tutti insieme e passare una giornata all’insegna della spensieratezza e del puro “stare insieme”.

La novità quest’anno è stata la partecipazione dei simpaticissimi ragazzi della Lenza Senese. L’azienda ha deciso infatti di organizzare incontri, manifestazioni e stage aperti anche ad altre societa sponsorizzate. Un’ottima idea per fornire supporto tecnico ed aggiornare i pescatori sulle novità di casa Colmic.

Gli amici senesi, a tal proposito, hanno potuto ammirare gli arrivi per il 2017. In particolare l’attenzione è stata rubata dai nuovi panchetti One 2.0 e Kross. Inoltre non sono mancate anche alcune novità del mondo feeder.

Dopo il sorteggio e la colazione a base di sfogliatelle arrivate calde da Napoli, si è dato inizio alle ostilità. La gara si è subito preannunciata molto interessante per il divieto d’uso di sfarinati e pellet. Questo ha complicato le strategie, visto che non sono funzionali la maggior parte degli approcci classici della pesca nelle fisheries.

Tutti decidono di usare i pellet feeder con bigattino incollato che, insieme al mais, è l’unica esca ammessa. Scelta gradita a carpe e carassi del lago considerate le mangiate più o meno continue.

I furbissimi carassi la fanno da padrone, con le carpe che all’inizio latitano. Solo dopo un paio d’ore iniziano a gradire i bigattini e rendono piacevolissima la pescata. Malgrado lo spirito molto, molto goliardico con sfottò e scherzi vari, la gara è molto agguerrita soprattutto perchè ognuno cerca di accaparrarsi i premi messi in palio.

Si tratta infatti di tipici prodotti gastronomici portati dai partecipanti stessi come: Mozzarella Campana, Ciauscolo e Vino Marchigiano, Ricciarelli Senesi e dulcis in fundo dei Tartufi offerti da Pier Paolo Marini al primo classificato.

Alla pesatura finale risulterà vincitore il “solito” Andrea Canaccini, seguito da Pier Paolo Marini e da Roberto Battellini. Subito dopo la pesatura tutti a pranzo, dove si è approfittato per scambiarci gli auguri e proseguire sulla falsa riga della gara, risate e divertimento.