PESCA AL COLPO

Fish’O’Mania International – Poker inglese ed Italia sesta


FISH’O’MANIA INTERNATIONAL – POKER INGLESE

Per il quarto anno di fila sono ancora i padroni di casa dell’Inghilterra a vincere la sezione internazionale del Fish’O’Mania, evento organizzato dall’Angling Trust e trasmesso in diretta sull’emittente Sky Sport sul canale Sky Sport 4 inglese. La coppia inglese formata da Des Shipp e Will Raison si è aggiudicata per il terzo anno di fila il premio di diecimila sterline destinato ai vincitori, surclassando i secondi classificati dell’Olanda (che si “accontentano” di cinquemila sterline) con un peso superiore ai 30 chilogrammi di peso. Una costanza incredibile dei due fuoriclasse inglesi, che hanno fatto valere la conoscenza del campo gara sfoderando una magnifica pescata con la roubaisienne a sette – otto pezzi di canna. In questa gara era consentito anche l’utilizzo del feeder, ma all’incirca tutti hanno preferito impostare la gara su varie distanze della roubaisienne catturando tinche, carpe, carassi, breme e gardon. Pesci di taglia non elevata, ma comunque molto difficili da catturare che hanno reso la gara davvero avvincente. Avvincente è stata soprattutto la lotta per il secondo posto, con ben cinque nazionali che si sono avvicendate alle spalle dei fortissimi inglesi. Tra queste anche l’Italia che al giro di boa delle due ore e mezza di gara si era posizionata in seconda posizione, lottando fino alla quarta ora con le altre nazioni come Belgio, Olanda, Galles ed Irlanda in distacchi contenuti nell’ordine di poche centinaia di grammi. La coppia rappresentante l’Italia formata da Milo e Claudio Guicciardi ha tenuto davvero un ottimo ritmo, al punto che le telecamere di Sky Sport nella seconda ora hanno puntanto molto gli occhi sui due azzurri. Dopo di chè qualcosa è cambiato e la squadra capitanata da Steve Gardner non è più riuscita a stare al passo con le altre nazioni perdendo posizioni fino alla sesta piazza conclusiva. Ad ogni modo un’esperienza sicuramente interessante per Milo e Guicciardi, che si sono confrontati con un’altra realtà di pesca, completamente differente dalla nostra.




Altra nota da segnalare, di cui abbiamo già scritto, è l’organizzazione che gira attorno a questo evento, sia di partecipazione di pubblico, che soprattutto mediatica. Per muovere addirittura Sky Sports significa che la pesca oltremanica ha davvero una grande importanza. Inoltre è degna di nota la cura per il pesce. Le pesate ogni mezz’ora rendono il tutto molto più avvincente e ad ogni pesa è presente un materassimo per la cura delle varie specie ittiche in modo che non ci sia sofferenza per il pesce. Un po’ come in Italia, nelle cui manifestazioni quando va bene c’è una bilancia ogni venti concorrenti ed in alcuni casi durante le pesate il pesce viene sbattuto come se fosse un oggetto e ributtato in acqua nei peggiori dei modi, se non addirittura buttato prima per terra e poi gettato in acqua a mano, lanciandolo. Il Fish’O’Mania dovrebbe far riflettere molti su come si organizza un vero e proprio evento di pesca. International vari o Day aziendali vogliono imitare il modello inglese, ma in questo non siamo su un pianeta differente bensì in un’altra galassia.