PESCA A FEEDER

Girone Centro Feeder – Inizio da dimenticare a Laterina


ITALIANO FEEDER GIRONE CENTRO – BRUTTO INIZIO A LATERINA

Ieri nel famoso Arno aretino si e’ svolta la prima delle tre tanto attese selettive riservate agli agonisti appartenenti alle società del centro Italia per il campionato individuale di Feeder fishing. Nei giorni antecedenti alla gara la pescosità sembrava abbastanza buona, cosi’ tanto da riuscire a portare alla nassa anche diversi chilogrammi di carassi, oltre alle fortissime carpe che hanno messo a dura prova per più di una volta, spuntandola tra l’altro nonostante i terminali da 0.25 millimetri di diametro, le attrezzature dei pescatori. Il giorno della gara invece il campo gara si e’ dimostrato tecnicamente molto difficile con una corrente molto sostenuta per la maggior parte della gara e condizioni meteo quasi proibitive, con fortissime precipitazioni che hanno accompagnato i pescatori nella maggior parte della gara. La pesca e’ stata impostata da quasi tutti i pescatori sulla linea dei tre quarti di fiume o pure radenti alla sponda opposta con pasturatori nel ordire di 50-60 grammi carichi di pastura o bigatti incollati. Ma purtroppo anche con le condizioni del acqua ottimali (infatti e’ risaputo che a Arezzo quando la corrente corre i pesci sono piu’ in attivita’), nulla e’ servito per portare alla nassa i pesci della gara di prova del giovedi’. In molti settori per vincere il settore sono bastate pesate sui due chilogrammi, con apici un po piu’ alti in soli due settori. Chi l’ha avuta vinta ha dovuto impostare la pesca sulla ricerca di qualche carpa o siluro, che pero’ non tutti hanno trovato. E’ stata una gara molto complicata dal punto di vista tecnico, che ha premiato chi e’ riuscito a interpretare in modo giusto il fiume. E infatti il migliore di giornata e’ stato Broncolo Giacomo del “Umbertide Feeder Team”, seguito Lepri Michele del “ASD Quintana San. Marco” e da Santimaria Massimo del “C.P. Lenza maremmana “.