www.fishingmania.it
Tutto il mondo della pesca in rete!

In che condizioni sono i nostri campi gara?

Preparate le lenze e le canne che tra poco si inizia a fare sul serio! Dal Trofeo Pasinetti sembra che tutti siano agguerriti, i pesci sanno che inizia la stagione agonistica e i campi gara sono in condizioni perfette….Ma, aspettate un attimo, non mi sembra proprio così la storia.

Eh no, perché la maggior parte dei campi gara è in condizioni anomale a causa del meteo avverso che da l’impressione di essere ancora in pieno inverno piuttosto che in primavera. Pioggia e freddo non stanno aiutando per niente le acque del Nord e Centro Italia e sicuramente se ne risentirà ancora per più di un mese. Se è previsto che le piogge smettano in questi giorni, il problema adesso sarà rappresentato dallo scioglimento della neve che in montagna è presente in abbondanza visto che oltre i 1500 metri ha nevicato fino ad oggi. Ciò comporterà la discesa di acqua completamente ghiacciata, proprio nel periodo in cui ci dovrebbe essere la frega di molti ciprinidi. Di conseguenza la stagione sta praticamente slittando di almeno un paio di mesi. In sintesi ora facciamo un resoconto di alcuni dei principali campi gara del Nord Italia:

 

Ostellato : Il pesce è ancora imbrancato, ma nonostante ciò sembra rispondere molto meglio rispetto agli anni scorsi, quando fioccavano letteralmente i cappotti. Il problema al momento è rappresentato dalla corrente, veramente sostenuta per essere un canale normalmente fermo. Se a feeder si è arrivati ad utilizzare pasturatori fino a 80 grammi, immaginatevi voi quanto possa essere in movimento la corrente. Altro problema non indifferente è la sponda. A Covato durante l’inverno sono iniziati dei lavori di risistemazione, ma sembra che questi lavori ancora non siano a termine. Nel campo vecchio invece sembra di affrontare un campo di sabbie, o meglio argille mobili. La strada è ottima, ma appena si scende dalla carreggiata diventa un problema spostare la macchina. Stesso discorso per la riva, completamente riempita di fango e pozzanghere. Forse dopo una settimana di sole a 25 °C si asciugherà.

Medelana : Impraticabile. In Piemonte e Lombardia piove, il Po si alza di tre metri. In Emilia Romagna piove, tutti i canali si riempiono fino all’orlo ed inevitabilmente anche il Po di Volano ne risente. La corrente e il livello sono aumentati talmente tanto che tutte le gare in programma l’ultima domenica, tra cui il Trofeo Pasinetti, sono state dirottate ad Ostellato.

Cavo Napoleonico : impraticabile. Trattandosi di un immenso canale di scolo del Po, era inevitabile che venisse alzato per dare un po’ di sollievo al fiume. Morale? Livello oltre i due metri e gare rinviate…ad Ostellato tanto per cambiare. Dalla prima bozza di calendario ufficiale la Coppa Italia si sarebbe dovuta svolgere proprio in questo canale, ma è stata spostata ad Ostellato.

Fiuma : Mandria o Boretto non importa, il canale è lo stesso. La scorsa settimana era stato annunciato dalla Fipsas di Reggio Emilia che a causa di una frana della sponda e di un pezzo di strada per circa 90 metri in Mandria, sarebbe stato necessario slittare il riempimento del canale di un paio di settimane per permettere i lavori alla sponda, al punto che anche in questo caso sono state rinviate delle gare. Nella giornata di domenica però qualcuno si è recato al canale lo stesso, scoprendo che il livello era buono, quasi normale. Scherzo del Consorzio di Bonifica? Assolutamente no ed è stato lo stesso Presidente della Sezione Provinciale di Reggio Emilia a spiegarci cosa è accaduto. La Fiuma è stata riempita a causa della grande portata d’acqua dei canali e del Po in seguito alle persistenti piogge degli scorsi giorni. Nella giornata di oggi, con il miglioramento delle condizioni, la Bonifica ha già provveduto a svasare il canale per poter iniziare i lavori nel fine settimana. Lavori che dovrebbero avere una breve durata al punto che si dovrebbero concludere nella giornata di martedì 16 e permettere di conseguenza il riempimento del canale nella giornata del 18. Per la cronaca è stato annullato anche il Trofeo Croce Bianca del 14 Aprile. La sensazione è che molto difficilmente la corrente sarà sostenuta; con tutta l’acqua che è caduta i campi sono completamente impregnati. In questo modo potrebbe iniziare più tardi la richiesta da parte dell’agricoltura.

Cavo Lama : notizie certe sulle condizioni del canale non ce ne sono anche se sembra che stia succedendo lo stesso discorso della Fiuma ovvero che il livello varia a seconda delle piogge e dello scarico al suo interno dei canali più piccoli vicini. Ha fatto più scalpore la notizia che da quest’anno sarà obbligatorio pagare qualcosa per praticare la pesca sul canale. Legge che però sembra essere rientrata per gli agonisti non della provincia di Modena.

Spinadesco : è ancora troppo presto per il Navigabile. L’acqua è molto fredda, il pesce imbrancato al punto che alla prima gara dell’anno la percentuale di cappotti è stata altissima. Finchè le temperature non si alzano sarà dura che il canale abbia una pescosità uniforme. Stesso discorso anche per Tencara.

Laghi di Mantova : pescando in settimana la pescosità è già buona, anche se cala drasticamente durante le competizioni. Il livello dei laghi attualmente è molto alto e potrebbe essere a livello della passeggiata dopo le piogge del fine settimana. Con il miglioramento di questa settimana il livello dovrebbe calare nel giro di una settimana.

Mincio a Peschiera : Fiume in condizioni ottimali come sempre, visto che è regolato dalla diga a valle del campo gara, ma ancora troppo presto per la pesca. Acqua molto fredda e pochi pesci in movimento.

Terdoppio : E’ il suo momento e come gli anni scorsi risulta in condizioni ottimali sia dal punto di vista del livello idrometrico che della pescosità.

Ostiglia : corrente molto elevata, ma pescosità più che ottima. Tante breme di taglia non grossa, tra 30 e 300 grammi popolano in questo momento il campo gara mantovano garantendo delle ore di pesca non noiose.

Arno Pisano : Come già vi abbiamo informato qualche settimana fa, mostrandovi le foto dell’Arno quasi allo stesso livello della piazza di Calcinaia, il fiume è leggermente sceso ma ancora inevitabilmente in forte piena. La domanda che si fanno gli organizzatori del 1° Red Tetragon di Milo è una sola: riuscirà il fiume a tornare a livello in meno di 20 giorni? Impescabile.

Translate »