PESCA A FEEDER

Indiscrezioni Feeder 2017 – Regionali a squadre qualificanti?


ARRIVANO I REGIONALI A SQUADRE FEEDER QUALIFICANTI?

Non c’è nulla di ufficiale, ma sembra una indiscrezione che sta prendendo sempre più piede negli ultimi giorni quella che riguarda le competizioni a squadre del feeder. Finalmente qualcosa si sta muovendo ed ai piani alti sembra che stiano arrivando al punto che per aumentare il numero di agonisti e, allo stesso, cercare di abbattere un po’ i costi sia necessari organizzare i campionati locali qualificanti. In particolare la questione al momento è legata alle manifestazioni a squadre, che fino allo scorso anno vedeva un Campionato Italiano a Squadre ad iscrizione libera. Per il 2016 invece, per cercare di favorire le squadre del Centro – Sud italiano si è deciso per la divisione in Trofeo Eccellenza Nord e Trofeo Eccellenza Centro – Sud. In alcune regioni d’Italia però si stanno organizzando dei trofei a sè stanti, non qualificanti a nulla come i campionati regionali a feeder. Nel 2015 fu il Lazio ad organizzare il primo regionale a squadre di feeder, non qualificante ovviamente, mentre da quest’anno ci sarà anche il Piemonte con quattro prove di cui tre in fiume ed una in lago. Una scelta dovuta considerando la lontananza dei campi gara del Trofeo Eccellenza Nord, che hanno portato molti pescatori ad essere impossibilitati nell’affrontare spese alte.




La notizia è che dal 2017 tutte le regioni avranno dei Campionati Regionali dove le prime classificate di ogni girone si qualificherà al CIS Feeder dell’annata successiva. Naturalmente è ancora tutto in fase di sviluppo, ma sembra un’opzione che sta prendendo sempre più piede. Una decisione assolutamente intelligente, se si vogliono veramente abbattere i costi e non come accade quest’anno dove chi arriverà fino alla fine dovrà sobbarcarsi migliaia di chilometri e centinaia e centinaia di euro di spesa.

Lo stesso discorso si potrebbe fare anche per l’individuale, considerando che ormai in tutta Italia vengono organizzati campionati provinciali non qualificanti e campionati regionali non qualificanti. Per potersi qualificare alla prima prova del campionato italiano individuale bisogna partecipare invece ai gironi qualificatori di tre prove tra nord, centro e sud. Se invece si facesse come nel colpo dove si passa dai provinciali individuali per arrivare alla prima prova di finale del Campionato Italiano, sicuramente ci sarebbe un aumento dei pescatori ed una forte diminuzione delle spese, oltre all’utilizzo di piccoli campi gara non più utilizzati per le gare nazionali.

Qualcosa comunque si sta muovendo, anche se per ora non c’è nulla di certo. La strada intrapresa potrebbe essere però quella giusta per dare finalmente una nota positiva al movimento del feeder che attualmente gli agonisti li sta perdendo, di certo non acquistando.