NOTIZIE DAL MONDO

Inghilterra Paese di cavedani oversize!


CHE CAVEDANI IN INGHILTERRA

Spesso ci capita di girovagare sul web ed ogni volta che si giunge sui siti inglesi si trovano sempre delle stupende foto di pesci over size. Sono tanti i lucci ed i persici fotografati dai pescatori inglesi, in particolare gli esponenti principali della famiglia dei percidi con esemplari oltre il chilogrammo e mezzo di peso, che purtroppo in Italia sono molto, ma molto rari. Di predatori acquatici il Regno Unito ne è ricchissimo e non a caso sono tanti i pescatori di spinning italiani che almeno una volta vogliono tentare l’avventura di pesca in Irlanda o Scozia. Non solo però persici e lucci, perchè anche i ciprinidi raggiungono dimensioni di tutto rispetto. La spiegazione di tutto ciò è molto semplice e riprende il discorso che qualche anno fa ci fece Alan Scotthorne in occasione di una nostra esclusivissima intervista. In Inghilterra si è arrivati ad un livello tale di depurazione delle acque, che per far si che gli agenti patogeni venissero eliminati sono stati immesse in acqua determinate sostanze che hanno purificato le acque ed allo stesso tempo reso queste acque dei fiumi ricche di elementi che impediscono la schiusa delle uova. In pratica un po’ come se si pretendesse di far schiudere delle uova in una piscina ricca di cloro. Gli unici pesci che sopravvivono in tali condizioni sono quelli di grossa dimensione. Ecco allora spiegato il motivo di tantissime foto di catture di cavedani e barbi oltre le sei libbre di peso (circa due chilogrammi e mezzo). Per quanto riguarda i barbi, nulla di eccezionale considerato che nel bacino del Po i barbi oltre i quattro chilogrammi sono all’ordine del giorno e non sono più rare le catture di pesci da sei chili e passa. Diverso è il discorso dei cavedani che, se in Italia stanno diminuendo sempre più in molti fiumi ad eccezione degli affluenti di sinistra del Po, in Inghilterra se ne catturano diversi e di dimensioni decisamente interessanti. Tempo fa avevamo pubblicato la foto di un cavedano da record da ben nove libbre e mezzo, ovvero oltre quattro chilogrammi. Notizia ormai vecchia di due anni, ma sempre da ricordare. Grazie agli amici di Drennan International, una delle più famose aziende di pesca inglesi distribuita in Italia da Milo, pubblichiamo nella galleria una serie di foto di stupendi esemplari di cavedano della dimensione tra sei e sette libbre ovvero tra i 2700 ed i 3200 grammi, catturati per lo più con la tecnica del feeder e soprattutto a specialist. Praticamente gli unici modi per riuscire a portare a guadino pesci di queste dimensioni in itinerari normalmente di piccola dimensione con molta vegetazione subacquea. Considerando quanto sia la forza di un cavedano normale da chilo, una classica roubaisienne o bolognese potrebbe non essere sufficiente per pesci attorno ai tre chili di peso. Una dimensione che, ripetiamo, in Italia è difficile trovare nei cavedani. Catture simili è più facile trovarle sui grandi laghi prealpini come Lago Maggiore, Lago di Como, Lago d’Iseo e Lago di Garda oppure sui loro emissari, quando le cosiddette cavedanesse del lago si spostano in acqua corrente.




Fonte Drennan International