Marukyu

Marukyu in Small River


A PESCA CON I PRODOTTI MARUKYU

Giunta la pioggia ed indeciso sul da farsi, alla fine metto in borsa un po’ di attrezzatura e mi convinco per una pescata veloce a method in un piccolo fiume vicino a casa, che negli ultimi anni mi ha sempre regalato diverse soddisfazioni. Ovviamente anche in questa occasione non ho potuto fare a meno di portare con me alcuni dei prodotti targati Marukyu che, dopo diversi test sono diventate un “must” in tutte le pescate a feeder. Una volta giunto sul posto mi sono subito messo in azione per preparare il mio classico mix di pastura, utilizzando alcuni cavalli di battaglia di Marukyu. Bagno quindi due terzi di Sweet Fishmeal, tagliata con della EFG 661 e della EFG 151 in parti uguali, in modo da dare al mio method delle tempistiche diverse di lavoro una volta raggiunto il fondale. Importante ricordare che in questa uscita si sta pescando in fondali molto bassi, trattandosi di un piccolo fiumiciattolo di pianura con una ridotta portata d’acqua. Dopo aver bagnato tutto il composto, aumento le sue capacità di attrarre il pesce aggiungendo una piccola dose di additivo Marukyu SFA 430, la boccetta di liquido al Sanagi ovvero al concentrato di crisalide. Prima di mettermi in pesca, opto anche per una veloce bagnatura dei pellet della linea Focus da 2 millimetri, umidificandoli anche con una spruzzata del nuovo Amino + Blue Label al gusto Clove Spice. Pasture bagnate, pellet pronti, non resta che innescare e mettersi in pesca. Per quanto riguarda l’innesco si continua sul Marulyu Style mettendo sull’amo una boiles singola della linea Credence Fruit Spice da ben 14 millimetri, montata sul Cam H2O da 20 libbre della strepitosa ditta Rig Marole che fa sempre parte del gruppo Marukyu e che regala sempre incredibili soddisfazioni. La scelta delle boiles non è casuale in quanto il corso d’acqua in questione è popolato da un alto numero di carpe, anche di grossa dimensione e superiori ai cinque chilogrammi.




Ora è davvero tutto pronto e può iniziare la pescata. Subito si nota come il pesce sia in attività vedendo la cima della mia canna in continuo movimento. Questo significa che il pesce è stato subito attirato dai miei mix di pastura, pellet ed additivo e sta girando attorno al method, che viene spostato dagli spostamenti d’acqua operati dalle code delle carpe. Non passa molto che la cima si piega in modo deciso segnalandomi la prima cattura. Speravo in una carpa ed invece è un nobile e bel cavedano. La pescata continua per ancora un paio d’ore ed in quel poco tempo a disposizione le mangiate si susseguono con tre belle carpe portate a guadino ed un cavedano che purtroppo si è slamato durante il recupero. Ancora una volta il tempo non è stato molto, ma nonostante ciò il piccolo fiume ha ben saputo rispondere alle “offerte” di Marukyu regalando pesci meravigliosi. E non saranno gli ultimi!

Foto di Marco Pace – Promoter Marukyu

Testo realizzato in collaborazione con Marco Pace