PESCA AL COLPO

Memorial Pasinetti 2016 Colpo a Gino Govi


GINO GOVI VINCE IL MEMORIAL PASINETTI COLPO

Da appena un paio di ore si è conclusa l’edizione 2016 del Memorial Pasinetti, giunto alla sua ventunesima edizione. Una gara che ha visto la partecipazione di 120 agonisti provenienti da varie classifiche: classifica di rendimento dell’ultimo quadriennio, classifica di rendimento CIS e Serie A, migliori esordienti, commissari tecnici azzurri, medagliati azzurri nel 2015 e primi classificati dei campionati italiani senior, donne, giovani e master. Senza dimenticare i dieci concorrenti provenienti dalla classifica progressiva del Test Match che si è svolto nella giornata di ieri. Centoventi concorrenti posizionati nel campo gara centrale del Canal Bianco rodigino ovvero la sponda Fronte Chiatte, che nel corso degli ultimi anni ha visto lo svolgimento delle più importanti manifestazioni agonistiche italiane. Giornata ancora una volta molto difficile, come il sabato d’altronde. C’è da aggiungere inoltre che il campo gara è stato picchettato proprio in quelle zone che nella gara di ieri hanno visto una forte carenza di pesce. Diversamente però dalla gara di prova e diversamente dall’edizione passata, i siluri non hanno fatto la differenza. E’ stata una gara comunque decisamente tecnica, da interpretare ancora una volta ora per ora. Giornata perfetta dal punto di vista meteorologico, con condizioni di calma assoluta in termini di vento ed inizio gara con la marea al suo picco. Condizione questa che ha determinato un aumento costante della velocità della corrente a partire dalla seconda ora. Due le impostazioni principali della pescata: impostazione a tredici metri ed impostazione corta su sei pezzi di canna. Chi ha deciso di partire alla massima distanza ha faticato inizialmente a vedere delle mangiate, anche se le catture effettuate erano tutte di pesci di taglia interessante. Diverso il discorso per la pescata corta, con pesci di taglia inferiore tra cui anche diverse alborelle. Proprio a causa delle difficoltà incontrate nel trovare i pesci, c’è stato anche chi ha pensato di cambiare completamente strategia e buttarsi sulla pescata alle alborelle che, nonostante tutto, erano di taglia molto interessante con esemplari tra i dieci ed i venti grammi. Nel corso della terza ora le condizioni del canale sono inevitabilmente cambiate, con la corrente che è arrivato ad un punto tale che con galleggianti a vela da 50 grammi era praticamente impossibile restare bene in pesca. Alla fine la pescosità è comunque migliorata rispetto alla gara del sabato ed alle prove del venerdì, segno che molti dei big in gara avevano nascosto molto le proprie carte per scoprirle in occasione di questo evento degno di nota. La supremazia della Colmic vista nella gara di prova è scemata leggermente in ambito della classifica degli assoluti, anche se comunque hanno portato a casa le loro vittorie di settore. Per poco non si è ripetuto uno storico bis di vittorie nel Pasinetti visto che Giampaolo Schiesaro ha cercato il colpaccio fino all’ultimo bloccando la bilancia oltre gli undici chilogrammi. Purtroppo però per l’agonista in forza all’Oltrarno Colmic, c’è stato chi ha fatto meglio e si è dovuto accontentare di un comunque onorevole terzo gradino del podio. La vittoria 2016 è andata quindi a Gino Govi della Amo Santarcangiolese Colmic che ha chiuso con una stupenda pescata di quasi 13mila punti, battendo di soli quattrocento grammi il secondo classificato ovvero il nazionale master e storia della pesca al colpo italiana Celestino Pagliari dell’Aurora Castelletto Tubertini.




Decisamente buona la media pescato con oltre sei quintali di pesce catturato che divisi per i 120 concorrenti fa una buona media superiore ai cinque chilogrammi. Degna di nota anche l’organizzazione della Futura 2000 che in due giorni di evento si è davvero moltiplicata per riuscire a star dietro ai tanti eventi in programma ed alle tante presenze giunte fino in Provincia di Rovigo. Proprio in questo momento, mentre state leggendo l’articolo, si sta svolgendo il consueto pranzo con annessa premiazione all’autodromo di Adria con Stefano Bastianacci sul palco a chiamare i protagonisti di questo evento, tra cui anche Mario Molinari, uno degli ideatori di questo evento.

Una menzione speciale per il nostro Riccardo Cappelletti che ha effettuato uno straordinario reportage fotografico in questo week end permettendoci di essere online quasi in diretta con lo svolgimento della manifestazione e, soprattutto, della premiazione.

TUTTE LE FOTO – CLICCA QUI