PESCA AL COLPO

Mondiali Giovanili – In Serbia iniziano le prove


MONDIALI GIOVANILI – 1° GIORNO DI PROVE

Nella serata di sabato 1 agosto, dopo un lungo viaggio di 17 ore fatto di code in Italia, Slovenia, Croazia e Serbia, le nostre nazionali giovanili di pesca al colpo sono arrivate a sud – est di Belgrado nella cittadina di Smeredevo per l’edizione 2015 dei campionati mondiali giovanili. Under 14, under 18 ed under 23 quest’anno svolgono i propri campionati iridati su un canale del Fiume Danubio. Sono passati esattamente dieci anni dall’ultimo campionato del mondo giovani organizzato dalla nazione dell’ex Jugoslavia, quando fu Novi Sad ad ospitare l’evento. Dopo aver visionato il campo gara nella giornata di domenica, oggi le nostre squadre e tutte le altre nazioni partecipanti hanno iniziato le prove ufficiali della settimana iridata che si concluderà con le competizioni di venerdì e sabato. Visivamente il canale è davvero molto bello, con sponde naturali, acqua praticamente ferma salvo casi rari in cui risulta leggermente in movimento. Non bellissima l’acqua di per sè, che non ha riscosso grandi sensazioni positive da parte dei nostri commissari tecnici. Come già avevamo anticipato qualche mese fa nella presentazione del campo gara, il canale presenta una profondità di circa due metri e mezzo ed una larghezza attorno ai 25 – 30 metri. Per interderci un canale tipo il Cavo Lama per larghezza, profondità e corrente. A dispetto delle aspettative e soprattutto delle informazioni pervenute, le alborelle non sono così tante come si pensava. La poca alborella presente risulta avere una media di 5- 8 grammi e si pesca con canne da 2,5 – 3 metri. Per quanto riguarda le altre specie, sono presenti breme e gardon di taglia prevalentemente piccola che la nostra squadra oggi ha provato a catturare a cinque – sei pezzi. Una pesca comunque molto difficile, con poco pesce di taglia grossa, in prevalenza carpe da 2 a 5 chilogrammi che saranno dei jolly importanti per chi le catturerà. Oggi è solo il primo giorno e le nostre squadre hanno ancora tre giorni per provare a pieno ed i nostri commissari tecnici sicuramente troveranno il bandolo della matassa per riuscire a portare a casa una medaglia a squadra e chissà, magari anche il titolo mondiale che per l’Italia manca da troppi anni.




Per Fishingmania dalla Serbia, Alberto Bettella www.pescatoripadovani.net