PESCA AL COLPO

Nicola Avellino racconta la Valle del Simeto Milo


PARLA NICOLA AVELLINO, PRESIDENTE DELLA VALLE DEL SIMETO MILO

Nicola Avellino è il presidente della società Valle del Simeto sponsorizzata dalla ditta Milo che quest’anno ha trionfato nel Trofeo di Serie A7 che si è svolto in due prove nel week end appena concluso. Una soddisfazione enorme, che arriva dopo un lavoro svolto negli ultimi anni che ha portato però non solo gioie, ma anche delle cocenti delusioni. In questa particolare intervista, il Signor Nicola ci racconta qual è stato il percorso della sua società a partire da alcuni anni fa.
Personalmente, Nicola Avellino ha coltivato la passione per la pesca in acque dolci fin da piccolo, andando un po’ controcorrente considerando l’ambito in cui è cresciuto, ovvero l’isola siciliana nella quale la pesca in mare è sicuramente il pezzo forte. Non molti sanno però che la Sicilia presenta diversi specchi d’acqua molto pescosi e stupendi dal punto di vista non solo della pescosità, ma anche della bellezza del paesaggio. L’avvicinamento al mondo dell’agonismo arriva nel 2001, con l’iscrizione all’Associazione Cartur. Una esperienza sicuramente propedeutica che dà lo spunto per la nascita della Valle del Simeto. Una società, questa, che in soli 13 anni è diventata il fiore all’occhiello della pesca in acque interne del Sud Italia. Non stiamo parlando solamente dell’ambito agonistico, con gli ottimi risultati che naturalmente sono all’ordine del giorno, quanto come esempio di correttezza ed unione tra tutti gli iscritti alla società. Un entusiasmo che lo stesso Nicola tiene sempre vivo al punto di essere considerato il vero e proprio punto di forza di questa società, grazie anche alla stima che riceve da tutti i propri soci e non solo.




Uno degli obiettivi che la società Valle del Simeto si è sempre proposta riguarda i giovani pescatori. Questi sono il futuro della pesca e la società catanese sa che ha bisogno di nuova linfa se vuole continuare a rimanere ad alti livelli. Non a caso i primi iscritti alla Valle del Simeto sono stati propri i giovani, a conferma di quanto Nicola abbia creduto in loro, incitandoli domenica dopo domenica a migliorare sotto tutti gli aspetti. Ed i risultati si sono visti. Non a caso oggi i ragazzi della Valle del Simeto sono tra i ragazzi più temuti sui campi gara della Sicilia.

Ma la pesca non porta solo gioie e le tante polemiche che continuano ad esserci ogni domenica sui campi gara hanno portato Nicola Avellino a pensare addirittura a lasciare la presidenza e mollare tutto: “Ciò non è avvenuto solo grazie all’affetto dimostrato dai propri ragazzi che mi hanno convinto a continuare. Una vicinanza che è risultata essere lo stimolo giusto per continuare e per il quale è fiero di non aver mollato”.

Nel 2012 poi arriva la grande opportunità: lo sponsor Milo. Il rapporto con lo stesso Milo Colombo, oltre che naturalmente con la ditta, è stato un forte incentivo psicologico a continuare più forte di prima. Ed i risultati parlano da soli. Dopo la prima edizione del Milo Day Sicilia nel 2013, la squadra ha sfiorato la vittoria nel campionato regionale Sicilia all’ultima prova per sola mezza penalità. Una beffa servita ad accrescere la fame di vittoria e vendetta, anzi è stato il trampolino di lancio per il fantastico 2014 che ancora non è finito. Quest’anno siamo in testa nel provinciale a squadre, secondi nel regionale con ancora due prove in programma ed ovviamente abbiamo vinto la A7.

Il presidente della Valle del Simeto Milo, Nicola Avellino, ci tiene a lanciare un messaggio alla FIPSAS sulla pesca del futuro: “Investire sui giovani e soprattutto programmare il cambio generazionale tutti insieme senza farsi di continuo la guerra che non porta a nulla se non ad un deterioramento dei rapporti. Questo è quello che ho fatto io con perseveranza e costanza ed i risultati ora sono sotto gli occhi di tutti. Ho dato fiducia ai ragazzi e loro hanno sempre creduto nelle loro possibilità.”

Su Milo : “Credo che Milo sia un vero campione, ma non parlo solamente sotto il punto di vista dell’agonismo che è una cosa risaputa, quanto sotto dal punto di vista dell’umanità. E’ un campione di vita, un uomo semplice e disponibile con tutti. Non nega mai un saluto o una stretta di mano. Persone come lui, del suo calibro poi, nel mondo della pesca sono poche, molto poche. E l’edizione del Milo Day Sicilia di un mese fa ne è la testimonianza di quanto sia stato disponibile con tutti coloro che sono andati da lui anche solo per una semplice foto. Io mi auguro di continuare insieme questa meravigliosa avventura che lo vede nostro sponsor tecnico. Inutile dire che lo aspetto per il prossimo Milo Day Sicilia del 2015. Infine devo ringraziare anche la mia famiglia che con pazienza ed amore asseconda e sostiene questa mia passione che richiede solo tanto sacrificio per delle semplici soddisfazioni personali. E’ proprio vero che non sono i soldi a fare la felicità di una persona.