Pesca a mosca sull'alto trebbia PESCA A MOSCA

Pesca a mosca sul Trebbia Alto


PESCA A MOSCA NEL TRATTO LIGURE DI TREBBIA

Può capitare che certe mattine non si riesca a dormire. E anche se piove e tira un forte vento, l’unico pensiero è quello di sentire sulla punta della canna un bel pesce che sprigiona tutta la sua forza per averla vinta sul pescatore. Stanco dei soliti pesci di fondo valle come carpe e barbi, che ormai sono all’ordine del giorno, decido di partire alla ricerca di qualche pesce più ricercato. Non volendo percorrere troppa strada, decido di giocare in casa e di bagnare la lenza in Trebbia. Partenza alle 5,30. Dopo quasi un oretta di curve e pioggia incessante arrivo nei pressi di Montebruno. Sono nell’entroterra ligure, ormai più vicino al mare che alla Pianura Padana.




Monto la canna. Allineo con cura gli anelli. Inizio a costruire il finale. Lego la mosca e via dentro l’acqua. Il posto è deserto, non c’è nessuno. L’acqua è cristallina. Essendo in zona libera non ho la certezza della presenza del pesce, ma provo lo stesso. Approccio il fiume da valle verso monte camminando lentamente senza muovere i sassi per non fare rumore. Dopo qualche lancio sento la prima vibrazione della canna e salpo la prima trota fario, circa 10 centimetri, ma molto vorace e agguerrita. Capisco che sono nel punto giusto e dopo averla rilasciata cerco il pesce di taglia.

Dopo due ore di pesca un nuovo movimento, sbaglio la ferrata ma nel recupero ecco che ne arriva un altra. Questa volta è una trota di taglia e mi fa pentire di aver montato solo un finale da 0,10 mm. Tutto sommato giornata da ricordare, considerando che nell’inverno il fiume ha fatto disastri incalcolabili vedo con piacere che un fiume considerato ormai morto può riservare piacevoli sorprese anche in giorni in cui piove e il tempo non è dei migliori.

PERMESSI
Per la pesca in Trebbia è bene munirsi del tesserino segna catture della provincia di Genova e quello della Provincia di Piacenza, se si vuole percorrere qualche chilometro in più e avere la possibilità di pescare in entrambe le province.

ATTREZZATURA
Sicuramente una canna coda #2-3 in quanto i pesci non sono generalmente di taglia grossa al di fuori delle riserve, waders, guadino a racchetta in caucciù e tanta tanta pazienza.

COME ARRIVARE
Percorrere la statale ss45 fino a Marsaglia e poi continuare sulla stessa in direzione Genova

DOVE MANGIARE
Sulla statale sono presenti innumerevoli osterie, per i più temerari ovviamente pranzo al sacco sotto gli alberi per potere avere più tempo possibile per pescare