PESCA AL COLPO

Provinciale Coppie Mantova – Siluri ed alborella in Fissero


PROVINCIALE COPPIE MANTOVA – 2° PROVA A CA’ VECCHIA “MEMORIAL LUCA BUGANZA”

Si è conclusa oggi la seconda prova del Campionato Provinciale a Coppie di pesca al colpo di Mantova nel campo gara di Cà Vecchia nel Fissero Canal Bianco. La coppia vincitrice è risultata quella della Lenza Mantovana Daiwa composta da Genesini e Braga, i quali hanno totalizzato un pescato di quasi 5 Kg ed un punteggio complessivo nelle due prove di sole tre penalità, frutto di un primo ed un secondo posto. Seconda classificata la coppia Feraboli-Aguzzi della Lenza Castellana e terza classificata la coppia Melara-Borghi della Lenza Mantovana. L’andamento della gara odierna ha visto gli agonisti preparare tre tipi di pesca: roubaisienne con diverse punte montate sia con lenze leggere, che pesanti, alla ricerca di qualche breme e degli immancabili siluri. Oltre alla classica tecnica francese, in tanti hanno preparato anche le canne corte da 2,5 a 4 metri per insidiare le alborelle che sembrano essere ritornate nel Fissero e le bolognesi di lunghezza medio lunga da cinque – sei – sette metri per tentare la “caccia grossa” al siluro. Questi ultimi hanno determinato il primato in diversi settori, mentre la pesca dell’alborella ha sancito i piazzamenti successivi. Da precisare che nei settori diversi agonisti sono stati messi alla prova dalle frequenti abboccate dei siluri, ma purtroppo poche sono state le prede salpate a causa della taglia considerevole degli stessi.




Sorge a questo punto una riflessione: è possibile determinare l’esito di quasi tutte le gare programmate nel campo gara di Cà Vecchia solo sulla cattura del pesce siluro? Non è venuto il momento di sensibilizzare chi di dovere a prendere qualche provvedimento in merito? Ne guadagnerebbe sicuramente la biodiversità ittica del canale, ritornando a riscontrare la presenza di pesci autoctoni e ad avere cestelli con pesi più soddisfacenti o con maggior numero di catture. Permanendo l’attuale situazione, non si favorisce nei giovani agonisti la possibilità di affinare tecniche di pesca valide e particolari, basando di conseguenza solo l’esito della competizione sul fattore “fortuna”. Francamente mi sembra poco edificante e molto riduttivo!

Nota positiva della manifestazione è stata la buona presenza dei garisti (circa 120) che hanno confermato un buon livello di partecipazione nonostante le problematiche segnalate. A consegnare le targhe ricordo del Memorial Luca Buganza alla coppia prima assoluta, il figlio Fabio con la zia Rossella e la Nonna Gloria, che ci hanno invitato a riproporre la manifestazione anche per il futuro. Un ringraziamento particolare da parte della famiglia Buganza tutta e della APSD Riperium, di cui Luca è stato presidente per tanti anni, và alla società organizzatrice AQUARIUM Milo di Pegognaga, che si è resa disponibile a questa collaborazione.

Per Fishingmania Claudio Lotti