PESCA AL COLPO

Regole di gara : Box e Segnali


IL BOX

Eccoci alla seconda parte di questa rubrica dedicata ad alcune importanti regole in cui chiunque potrebbe imbattersi in qualsiasi gara. Se nel primo articolo ho trattato un argomento che tocca tutti coloro che partecipano ad una competizione, questa volta tratterò due argomenti, connessi direttamente tra di loro, che riguarderanno solamente coloro che saranno impegnati, in futuro, in gare di importanza rilevante quali campionati italiani, campionato d’Elite o Club Azzurro: il box e i cinque segnali acustici.

Iniziamo dalla definizione di box : secondo quanto dice il regolamento internazionale si intende box una postazione di pesca delimitata, di lunghezza compresa tra un minimo di 10 metri fino ad un massimo di 20 metri. Non esiste invece una larghezza standard in quanto è a discrezione della Commissione Tecnica a seconda del campo gara in cui si svolge la competizione.

Differenze gare nazionali e internazionali : In Italia le gare che prevedono la presenza di un box hanno delle piccole differenze rispetto a quelle internazionali

  1. In campo internazionale ogni box è separato da quelli a fianco tramite uno spazio neutro di un metro, che in alcuni casi può essere ridotto o addirittura soppresso, in cui possono accedere solamente i commissari di sponda, i dirigenti, le riserve e la stampa. In Italia nella maggior parte delle gare questo spazio è assente.
  2. In campo internazionale è previsto un corridoio, anche in questo caso di circa un metro, tra la fine del box e il pubblico, onde evitare che quest’ultimo si trovi troppo vicino al pescatore. In questo corridoio, come avviene per lo spazio neutro tra i box, possono accedere solamente dirigenti, commissari di sponda, riserve e stampa. Spazio che non dovrà essere occupato dal materiale del pescatore. In Italia nella maggior parte della gare non è prevista la presenza di tale corridoio.
  3. Una volta che il concorrente è nel box non può più uscirne e nessuno può entrarvi fino al termine delle operazioni di pesatura, salvo i commissari di gara. In campo internazionale l’unica persona autorizzata ad accedervi è il capitano.

Box Chiuso e Box Aperto : La definizione del regolamento internazionale riguarda il box chiuso. Per box aperto è inteso il picchetto normale in cui il concorrente può muoversi liberamente, uscendo da esso senza incorrere in sanzioni. E’ il caso più frequente in Italia.

I CINQUE SEGNALI ACUSTICI

Fino a qualche anno fa le competizioni italiane non prevedevano la presenza di box e cinque segnali acustici come avviene nei campionati del mondo, europei e incontri internazionali. Ecco la spiegazione dei cinque segnali ( i numeri corrispondono al segnale):

  1. Giunto sul campo gara il concorrente può posizionare l’attrezzatura all’interno del box senza entrarvi finchè non viene emesso il primo segnale. Da questo momento il concorrente non può più ricevere alcun aiuto esterno e non può uscire dal box salvo autorizzazione del commissario di sponda. Dopo un’ora dall’entrata nel box potrebbero iniziare le operazioni di controllo delle esche, non segnalate da nessun suono.
  2. Inizio pasturazione pesante. Per cinque minuti è possibile pasturare con palle di pastura fatte con due mani.
  3. Termine pasturazione pesante e inizio gara. Le palle di pastura fatte con due mani e non buttate in acqua devono essere distrutte. Da questo momento è consentita solo la pasturazione leggera.
  4. Cinque minuti al termine della gara.
  5. Fine gara. Qualunque pesce, attaccato all’amo, si trovi ancora in acqua, sia questo anche nel guadino che comunque tocca l’acqua, non sarà ritenuto valido.

Finisce anche questa seconda parte di Impariamo le Regole. Adesso se dovrete partecipare ad una gara in cui sarà previsto un box e i cinque segnali acustici saprete come comportarvi.