Pesci gatto americani da record con Golden Line Golden line

River Monster – A caccia di mostri con Golden Line!


PESCI GATTO DA RECORD IN TANARO CON GOLDEN LINE

Tutto ebbe inizio in una serata di luglio 2015 quando organizzammo una cena fra noi ragazzi del team Golden Line ed ognuno raccontava le proprie avventure ed esperienze di pesca e non.Federico Aneli, grande conoscitore del fiume Tanaro, si mise a raccontare che in un tratto del fiume vi erano pesci gatti americani mostruosi, che venivano agganciati a feeder ma mai nessuno era riuscito a portare a guadino! La cena finì ma già durante il rientro a casa questo racconto continuava a frullarmi in testa: “sarà vero o è una delle tante leggende che raccontano i pescatori?” Amo le sfide e devo cercare di scoprirlo al più presto. L’occasione ghiotta arriva la prima settimana di Agosto, le piogge incessanti dei giorni precedenti hanno fatto ingrossare di molto i fiumi e l’acqua molto sporca non permette la pesca alla carpa. Subito chiamo Luca e Ilaria che sono in ferie e gli dico “Che ne dite domani, che danno sole, di tentare di insidiare questi pesci gatti mostruosi di cui tutti parlano?” Immediatamente la risposta è positiva ed io non sto già più nella pelle. Preparo a tavolino tutta la strategia, so che in quel tratto di fiume vi è parecchia minutaglia che potrebbe disturbare un’azione di pesca classica. Scelgo allora di pasturare con sole boiles di diametro 20mm di gusti misti e di bagnarle con l’additivo Golden Amino ovviamente di Golden Line, inoltre all’interno di un contenitore vado ad ammollare una decina di boiles Monster Crab 20mm che andrò ad utilizzare come innesco. La scelta di utilizzare il Golden Amino è legata al fatto che il pesce gatto è un animale “carnivoro” e questo additivo contiene aminoacidi del manzo oltre che lieviti complessi trattati con enzimi. La mia speranza è quindi che tutto questo venga percepito dal pesce come fonte di cibo e si avvicini ai miei inneschi. La notte passa velocemente e non nascondo di aver dormito poco; al suono della sveglia in realtà son già in piedi da un pò, carico la macchina, passo a prendere Luca e Ilaria e si parte: destinazione Tanaro. Il meteo ci ha preso, la giornata è veramente calda e soleggiata ed il fiume molto sporco. Pasturiamo con precisione nel sotto riva e caliamo i nostri inneschi sotto ad alcune legnaie sperando che i gattoni siano lì sotto a ripararsi dalla piena. Siamo seduti all’ombra di una pianta quando il mio segnalatore suona all’impazzata. Corro e ferro. Dalla parte opposta sento una grande forza che prende filo e vuole andare sotto la legnaia. Non so cosa sia, non l’ho ancora visto e il cuore mi batte a mille per l’emozione. Chiudo la frizione e lo forzo conscio della grande fiducia nella tenuta della montatura preparata a dovere. Un combattimento fantastico e dopo 10 minuti nel sotto riva vedo finalmente affiorare dei baffoni. Grido: “Ragazzi è lui, è un mostro!” Infatti era proprio un gattone veramente grosso. Lo guadiniamo, foto di rito ed immediato rilascio.




Ma non è ancora finita perché dopo poco è la canna di Ilaria a partire, con il pesce che punta il ceppo sommerso vicino a cui aveva calato. Lo forza tantissimo tanto che lo vediamo subito affiorare e saltare ed è un altro gattone. Anche questo a guadino foto di rito e rilascio. E’ giunta ormai la sera ed è ora di rientrare. Chiudiamo le canne con un sorriso che fa capire quanto siamo soddisfatti del risultato. Ancora al rientro in macchina ci si fa i complimenti per il risultato, esclamando “Questo sì che è RIVER MONSTER!!

Foto e racconto di Valerio Cavagliano – Tester ufficiale Golden Line