www.fishingmania.it
Tutto il mondo della pesca in rete!

Spinning all’aspio | Ticino

Sono ormai cinque-sei anni che bazzico sui fiumi, in particolare tra il Po ed il Ticino. E da quando ho iniziato a frequentarli sono a conoscenza delle specie che li popolano. Dalla carpa al cavedano, passando per breme, siluro, pigo e, naturalmente, l’aspio. A questo pesce però, non ho mai dedicato tanto tempo. Anzi, a pensarci bene ho iniziato a cercarlo solamente da un mese settimane a questa parte.

Insieme al carpfishing ed il feeder, lo spinning è ormai una tecnica che pratico con costanza. Mi sono sempre concentrato principalmente sullo spinning nei canali, a street fishing in particolare, trascurando l’aspetto dello spinning in fiume. Ecco allora che le mie conoscenze di partenza sullo spinning all’aspio si limitavano alle mie ricerche su Youtube, Instagram, Facebook e gli articoli già presenti su Fishingmania.

Spinto da questa voglia di prendere il mio aspio e stufo di sentire delle catture di Matteo, circa un mesetto fa, appunto, sono riuscito finalmente a fare il mio primo aspio. La scelta dell’artificiale non è stata semplice. Ondulante, testa piombata, esca siliconica, long jerk o minnow? Sono quasi dovuto andare alla cieca, ma sapendo di catture a jerk, ho voluto dare fiducia a questa tipologia di artificiale.

Fiducia al jerk!

In particolare ho scelto un prodotto da 11 centimetri e 13 grammi di peso. Una tipologia di esca con la paletta corta, che tende a scendere sotto il pelo dell’acqua ed in grado di tenere la corrente. Colorazione bianca e testa viola.

Con mia grande sorpresa e sopratutto senza aspettarmelo, è arrivata la prima cattura. Un pesce insidiato sotto riva, con una mangiata nemmeno troppo violenta. Dai racconti sullo spinning all’aspio, quasi tutti mi avevano parlato di mangiate violente. Delle vere esplosioni in superficie, quasi come i black bass sulle rane. Così non è stato e devo ammettere che un po’ di delusione l’ho avuta.

Attacco fulminante

Poco dopo il primo pesce, mentre battevo una piccola rientranza del fiume, quasi alla fine di un recupero mi appare sotto i piedi, in tempo zero, un aspio. A velocità incredibile attacca ed ingoia il mio artificiale. Ecco, questo era quello che aspettavo dai racconti. Immediatamente non ho badato alla taglia del pesce tanto è stato fulmineo l’attacco. Solo dopo averlo salpato per slamarlo con cura e la fotografia di rito ho realizzato che oltre ad aver assistito ad una mangiata da infarto sotto i piedi, avevo già in mano il mio primo big.

Uno stupendo aspio tra 70 ed 80 cm di lunghezza che mi ha riempito di adrenalina. Adrenalina che mi ha spinto a tornare sullo stesso fiume, battendo praticamente chilometri di sponda, alla ricerca di altri aspi. Taglia piccola o grossa non importa, lo spinning all’aspio regala emozioni totalmente diverse ad altre specie. Tra l’altro, non è un pesce che dopo l’attacco si lascia trascinare, ma anzi continua a combattere.

Summary
Spinning all'aspio | Ticino
Article Name
Spinning all'aspio | Ticino
Description
Sono ormai cinque-sei anni che bazzico sui fiumi, in particolare tra il Po ed il Ticino. E da quando ho iniziato a frequentarli sono a conoscenza delle specie che li popolano. Dalla carpa al cavedano, passando per breme, siluro, pigo e, naturalmente, l’aspio. A questo pesce però, non ho mai dedicato tanto tempo. Anzi, a pensarci bene ho iniziato a cercarlo solamente da un mese settimane a questa parte.
Author
Publisher Name
Fishingmania
Publisher Logo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Translate »