Il Volturno a Capua - Paperino Campania

Il Volturno a Capua – Tratto Paperino


CAMPO GARA PESCA – VOLTURNO A CAPUA – PAPERINO

Nella cittadina casertana di Capua sono presenti due tratti di sponda adibiti per lo svolgimento delle manifestazioni agonistiche di pesca al colpo e di pesca a feeder. Oltre al Campo Sportivo, di cui abbiamo parlato alcuni mesi fa, il secondo tratto è denominato Paperino ed è situato più a valle rispetto al Campo Sportivo. Le caratteristiche dei due campi gara sono abbastanza similari tra di loro, con la larghezza del Volturno che varia tra i quaranta ed i quarantacinque metri. Trattandosi di un fiume appenninico con un’importante portata d’acqua, anche in questo tratto la profondità è tra i quattro metri e mezzo ed i cinque metri e mezzo dei punti più profondi, con il fondale compatto sabbioso. Vicino alla riva e fino a metà fiume non sono presenti molti ostacoli e la sponda si presenta abbastanza regolare. Diverso è il discorso della sponda opposta, la quale presenta una ricca presenza di rami e tronchi sommersi. La sponda in terra è abbastanza inclinata, al punto che durante i giorni di pioggia è preferibile avere a disposizione delle corde per la discesa in sicurezza verso la propria postazione. La pesca si effettua quasi al livello dell’acqua. La corrente è variabile a seconda della stagione e la colorazione varia in base alle condizioni atmosferiche; in caso di pioggia il fiume si sporca ed aumenta la propria portata e velocità, mentre in periodi di poche precipitazioni ha una colorazione più chiara. Per quanto riguarda le tecniche del colpo, la pesca si effettua sia con roubaisienne che con bolognesi; per quanto riguarda la canna ad innesti sono necessari galleggianti a vela di peso variabile tra cinque e cinquanta grammi su lenze montate con pallettoni, per la pesca in trattenuta lasciando appoggiato tutto il finale sul fondale. Utilizzando le bolognesi le grammature calano variando tra cinque e quindici grammi per una pesca in trattenuta accompagnata in prossimità della sponda opposta. Passando alla pesca a feeder sono necessari pasturatori open end e black cap a saponetta tra trenta ed ottanta grammi. Considerando le dimensioni di galleggianti e pasturatori è opportuno realizzare delle montature ed utilizzare finali di grosse dimensioni, con diametri non inferiori agli 0.16 millimetri. Anche per quanto riguarda gli ami il discorso non cambia, con misure comprese tra n.18 e n.10. La popolazione ittica del Volturno è molto alta anche a Paperino. Breme, cavedani, carpe, carassi, alborelle e barbi la fanno da padroni, oltre alla presenza di alcuni pesci gatto e di rari siluri. Vista la maggiore vicinanza dal mare rispetto al Campo Sportivo, non è raro imbattersi in catture di cefali specialmente nel periodo primaverile ed estivo. Considerando le specie ittiche presenti, la pastura deve essere preferibilmente dolce e di colore rosso. E’ necessario averne a disposizione un buon quantitativo per continuare a mantenere alimentato la propria postazione. Anche i bigatti sono fondamentali: sfusi per la pesca a galla ed incollati con molta ghiaia per la pesca a trattenere sul fondo. La strada è in terra battuta e scorre parallela al fiume permettendo un comodo parcheggio alle spalle della propria postazione. In caso di pioggia possono esserci dei problemi di percorribilità. Sono disponibili circa quaranta posti per la pesca al colpo ed una trentina per la pesca a feeder.




Aggornamento Pescosità : Nonostante l’inverno pieno, il Volturno si presenta in gran forma. Il campo gara risistemato dopo la distruzione dell’ultima forte piena regala una continuità di catture tra carpe e cavedani. Non mancano anche le catture di breme in taglia medio – piccola. La pesca regala una buona pescosità utilizzando la tecnica del feeder con pasturatori tra 50 e 70 grammi.