Vittorio Paraboschi assoluto in Fiuma Feeder PESCA A FEEDER

Vittorio Paraboschi vince l’Interprovinciale Feeder PC-PR-RE-MO


INTERPROVINCIALE FEEDER EMILIA A VITTORIO PARABOSCHI

Si è concluso domenica 11 settembre sul tratto terminale del campo centrale del Cavo Lama la seconda edizione dell’interprovinciale feeder 2016 delle provincie di PC-PR-RE e MO. Una quarantina i partecipanti a quest’atto conclusivo che ha visto per tre domeniche la Mandria come campo principale per poi arrivare in terra modenese, quasi a testare le peculiarità di un campo gara mai utilizzato ufficialmente per una gara a feeder in vista di una probabile programmazione a livello nazionale per qualche importante manifestazione futura. La Lama ha risposto in modo soddisfacente con una media di circa tre chili nonostante l’acqua quasi ferma e la presenza di moltissimo pesciolame, che ha continuamente disturbato l’azione di pesca. Tre le linee di pesca che si potevano attuare: sottoriva a non più di otto metri, a centro canale oppure a ridosso della sponda opposta. La maggior parte dei concorrenti si è concentrata a centro canale, laddove la maggiore profondità offriva più possibilità di trovare carassi di taglia e carpotte. La pesca sottosponda è stata imposatata da coloro che volevano fare numero, ma non taglia, mentre la linea più lunga è stata quella dove si sono viste le carpe più grosse, ma non per tutti. A causa della presenza della minutaglia, ogni tipologia di esca non ha consentito di effettuare una selezione vera e propria. Sia l’innesco del grosso verme e sia il mais in chicchi non è stato sufficiente per escludere carpette e carassini dall’attacco continuo all’amo. Probabilmente la scelta di un periodo nel quale la minutaglia risulta meno presente può essere di vantaggio per una pescata più selettiva in aggiunta, magari anche della presenza di acqua corrente. Unica nota stonata, a nostro avviso la poca partecipazione dei tantissimi appassionati a questa tecnica che, come dimostrano i dati nazionali, sono in costante crescita. Probabilmente a pesare sulla poca partecipazione è sicuramente la concomitanza con le tante gare al colpo che si sono accavallate a queste quattro prove, a conferma della necessità di utlizzare i campi gara nel loro periodo di maggior richiesta e soprattutto nell’ambito interprovinciale. Infine non è da dimenticare l’organizzazione di tantissime manifestazioni fini a sé stesse. Provinciali, regionali e questo stesso interprovinciale non qualificano a nulla e si vanno a sommare tra loro, insieme naturalmente alle qualifiche zonali per il campionato italiano individuale.

Come già si era capito dopo la terza prova, il campionato interprovinciale Emilia è andato nelle mani di Vittorio Paraboschi del Gatto Azzurro Colmic, capace di conquistare per quattro volte consecutive il proprio settore e chiudere con sole tre penalità, contanto lo scarto. Seconda piazza per Andrea Venturini dell’Alto Panaro Sensas Stonfo con quattro punti, davanti ai compagni di società Paolo Ferri e William Comastri.

classifica-4a-prova-11092016-cavo-lama