Bait-Tech Trophy al Lago Segugio PESCA AL COLPO

Bait-Tech protagonista al Lago Segugio


BAIT-TECH TROPHY AL LAGO SEGUGIO

Concluso l’International Milo Day normalmente si chiude la festa del popolo in rosso. Ed invece no. Milo ha raddoppiato l’appuntamento creando una nuova competizione. Il Bait-Tech Trophy.




Una manifestazione dedicata esclusivamente alla Bait-Tech, di cui Milo è distributore unico per l’Italia. Un’azienda importante per la “casa milanese”. Un’azienda che da quando è arrivata nel nostro Paese ha riscosso un successo sempre maggiore grazie agli ottimi prodotti presenti nel proprio catalogo.

La gamma delle pasture è aumentata sempre più negli anni. Tutti gli sfarinati sono risultati molto validi tanto nella pesca a feeder, quanto nella pesca al colpo. I pellet da pasturazione e da innesco sono state tra le novità più interessanti. Ed infine gli additivi liquidi.

Per moltissimi pescatori hanno rappresentato una svolta nel proprio modo di pescare. Aromatizzando le esche, sia naturali che artificiali, è aumentato il numero di catture.

Inoltre non bisogna dimenticare la costante presenza in Italia di Andy Neal. Andy è il responsabile del mercato europeo ed in particolare italiano. Proprio da questa collaborazione tra Milo e Bait-Tech è diventato anche il distributore di Milo in Inghilterra.

Non si poteva non dare maggiore importanza a questa azienda. Milo ha quindi pensato che non fosse abbastanza esporre i prodotti ai Laghi Tensi, serviva un evento dedicato a Bait-Tech. E così è stato.

Sfruttando la concomitanza con il “ponte” del primo novembre, si è potuto architettare il tutto alla perfezione. Lunedì 31 ottobre la maggior parte della carovana rossa si è spostata in massa a Pizzighettone. Destinazione, il Lago Segugio. Il nuovissimo complesso di laghi il cui proprietario e Gianmario Lombardi, campione italiano feeder nel 2012.

Ben settanta i partecipanti a questa prima edizione del Bait-Tech Trophy. Praticamente le stesse persone partecipanti all’International Milo Day. Sempre presente la carovana francese, che ha preso molto seriamente l’appuntamento con il Poker di Gare Milo.

Come già scritto nell’articolo del Milo Day, per i francesi è molto importante il marchio Milo. Un’azienda che è quasi una legge per molti. Prendere parte ad una manifestazione con Emilio Colombo in persona vale più di tante altre manifestazioni.

E poi non dobbiamo dimenticare che l’azienda milanese è lo sponsor ufficiale delle nazionali francesi di pesca al colpo e carpfishing.

Bait-Tech Trophy con una formula particolare. Al mattino gara di pesca al colpo, tecnica roubaisienne. Pomeriggio gara a feeder, esclusivamente con il method feeder.

La gara del mattino, iniziata alle ore 9, è stata caratterizzata dalla nebbia. Fino alle dieci e mezza una fitta nebbia ha quasi impedito la visione della sponda opposta. Condizioni quindi completamente diverse da quelle del giorno prima. Solamente a gara finita il sole è sbucato dalla nebbia, che fortunatamente non è più scesa.

Pescata molto tecnica quella della mattina. I pesci hanno faticato molto a rispondere alle esche dei concorrenti in entrambi i laghi. Le difficoltà principali si sono avute nel capire quale innesco utilizzare.

Cagnotti esclusi, la scelta è ricaduta tra mais e pellet. Il primo è sembrato essere più catturante rispetto al pellet. Ma molto è dipeso anche dal picchetto. I picchetti situati agli angoli sono sembrati più pescosi, anche per la possibilità di pescare più a marginal.

Inoltre l’altra difficoltà era dettata dal capire se il pesce preferiva stazionare alla distanza di tredici metri, oppure nel sottoriva. Con la presenza di vegetazione in alcune sponde, la pesca a quattro pezzi di canna è sembrata migliore.

In questa manifestazione si sono viste molte più coppettine da pasturazione. Quelle mini coppette in plastica che Milo ha realizzato appositamente quest’anno per la continua pasturazione.

In diversi hanno faticato a riuscire a trovare le carpe, anche perchè disturbati dai tanti carassi di piccola taglia presenti nei due laghi.

Diversamente dal giorno prima, questa volta ad ogni sponda corrispondeva un settore. Non più cinque concorrenti, ma dieci questa volta.

Ancora una volta i francesi si sono fatti valere, anche se la pesca era molto più tecnica dei Laghi Tensi. A loro oltre al rimborso chilometrico, anche un secchio con i prodotti Bait-Tech.

Dopo una veloce pausa, è stato il turno della gara a feeder. Trenta gli iscritti a questa seconda manifestazione di giornata. Iniziata alle 14,30, ha avuto la durata di sole due ore e mezza a causa dell’imminente tramonto e mancanza di luce.

Purtroppo la pescosità non è stata quella sperata, con molti picchetti che hanno regalato solamente uno o due pesci. L’assoluto di giornata è stato ancora registrato da un francese, che ha portato alla pesa ben oltre ventottomila punti.

Ancora un evento targato Milo che ha riscosso molto successo. Per il feeder è naturale che ci sia ancora bassa partecipazione, ma non può che crescere. Il prossimo anno siamo sicuri che ci sarà un seguito, anche per l’importanza che Bait-Tech assume in Italia ed in Europa.

TUTTE LE FOTO – CLICCA QUI