Spinadesco Spinning Version SPINNING

Spinadesco Spinning Version


SPINNING AL CANALE NAVIGABILE A SPINADESCO

Il Canale Navigabile Milano – Cremona – Po, che tutti noi sappiamo arrivare al massimo fino alla Casina Tencara ovvero a poche centinaia di metri dall’Adda, è conosciuto dai più esclusivamente per essere teatro di tantissime manifestazioni di pesca al colpo e, recentemente, anche a feeder. Il campo gara principale è quello situato in concomitanza con il paese di Spinadesco, ma esistono altri piccoli campi gara all’altezza di Crotta d’Adda e al bacino terminale di Tencara. Roubaisienne, canna all’inglese, canna fissa e feeder. Quattro tecniche di pesca che vengono spesso utilizzate per insidiare le specie ittiche che popolano il canale ed in particolare breme, carassi e carpe. Nel corso degli anni però hanno cominciato ad essere sempre più presenti altre specie ittiche appartenenti alla categoria dei predatori. Siluro, aspio e lucioperca sono presenti nel canale di Spinadesco da ormai quasi quindici anni, con esemplari di taglia importante. In particolare sono presenti siluri da oltre trenta chilogrammi, oltre che enormi aspi superiori al metro di lunghezza per cinque o sei chili di peso. Diverso il discorso dei luciperca che non sembrano raggiungere taglie particolarmente grandi. Tutti e tre questi predatori non sono rari da catturare pescando con le tecniche di colpo e feeder. Non bisogna infatti dimenticare che al Campionato del Mondo per Nazioni l’Inghilterra catturò ed attaccò aspi e silurotti sia pescando sullo scivolo, che a tredici metri. Sulla base di tutto ciò e considerando un sostanziale aumento dei predatori nel Navigabile, abbiamo pensato di tentare il colpaccio iniziando a frequentare il Canale Navigabile anche con la tecnica dello spinning. Una tecnica che potremmo definire nuova per il canale cremonese, anche se gli spinneristi della provincia già da alcuni mesi hanno iniziato a battere le sponde del campo gara e non solo, alla ricerca di siluri, aspi e perca. I primi sono da tentare sia con le esche artificiali, sia con le esche vive come breme ed alborelle. In particolare il vivo è l’esca che può regalare maggiori chance di cattura, utilizzando un galleggiante da una ventina di grammi in grado di sostenere il peso dell’esca. Sia nelle ore serali, che durante il giorno, il siluro tende ad andare in cerca di cibo. In alternativa si possono utilizzare delle teste piombate da 10 a 30 grammi a cui associare delle esche siliconiche da 10 a 20 centimetri. Si lancia sullo scivolo della sponda opposta e poi si fa saltare l’esca sul fondo con intervalli regolari, imitando un pesce in difficoltà. I siluri, di tutte le taglie, incuriositi scambieranno proprio l’esca per un pesce vivo attaccandolo. Altra esca che può essere ideale per insidiare allo stesso tempo siluri ed aspi è il classico ondulante in tutte le sue misure, dalla piccola 5 grammi fino al 24 grammi. L’ondulante da sempre regala catture in piena corrente sia sul Po, che in Adda e Ticino ed anche nel Navigabile ha regalato la cattura di uno stupendo aspio di oltre un paio di chili a Marco, che lo catturato con una canna spin 40 in un caldo pomeriggio di settembre. Anche in questo caso è preferibile provare attorno al tramonto, orario tipicamente favorevole per i predatori, ma non è raro vedere in movimento gli aspi sia la mattina, che il pomeriggio a galla. Mai fermarsi in uno stesso punto quando si pesca a spinning. Estremamente importante continuare a spostarsi sul canale per andare proprio in cerca del pesce. Come avviene in fiume, così accade anche in canale. Per gli aspi non è da escludere anche un classico minnow che stia appena sotto la superficie dell’acqua oppure un ratlin per rasentare il fondale. Il Navigabile non presenta ostacoli sul fondale, quindi non si rischia di perdere gli artificiali. Infine arriviamo al lucioperca, il predatore presente da più tempo nel Canale Navigabile. Non ci sono esemplari grossissimi, ma è presente davvero in quantità. Anche in questo caso l’ondulante dice la sua; se per aspi e siluri è preferibile una colorazione argento od al massimo dorata, per i perca è consigliabile la colorazione fluo o persico. Sempre Marco ne ha catturati diversi di piccola dimensione, sempre di pomeriggio, in questo caso verso sera. Non sono poi da dimenticare i rotanti sia singoli, che doppi, in grammature superiori ai dieci grammi. Le vibrazioni in acqua sono molto importanti quando si pescano soprattutto i siluri, mentre per gli aspi sono consigliati dei classici artificiali lipless da jerkare in continuazione per imitare un pesce in difficoltà. Una particolarità del Navigabile sta nel fatto che i siluri sembrano preferire lo stazionamento in prossimità dello scivolo, andando a volte a spiaggiarsi sotto i macchioni di erba che attualmente ricoprono le sponde del canale.