Carpfishing Zig Rig con Golden Line CARPFISHING

Zig Rig a Carpfishing con Golden Line


SCOPRIRE LO ZIG RIG A CARPFISHING CON GOLDEN LINE

Il periodo estivo è forse uno dei momenti più classici per la pesca alle carpe. Visto anche l’imminente periodo feriale, tuttavia, non è il miglior momento per insidiarle.




Temperature elevate e minor ossigenazione dell’acqua in estate non aiutano le sessioni di pesca. Il pesce risulta apatico al punto che può smettere di nutrirsi. Questo per cercare del refrigerio vicino a piante o zone della colonna d’acqua con maggiore ossigeno.

In queste circostanze sarà quasi impossibile riuscire ad effettuare catture soprattutto nelle ore diurne. Si può cercare di ingannarle puntando sulla loro curiosità e non sulla loro voglia di cibarsi. Entra in gioco allora la tecnica dello Zig Rig.

Questa tecnica consiste nel cercare le carpe nello strato di acqua superficiale. Personalmente utilizzo uno svolazzo lungo i ¾ della profondità del lago nel punto in cui stiamo pescando. Se abbiamo una profondità di 8 metri faremo uno svolazzo di 6 metri.

Non sempre questa regola porterà a risultati , quindi consiglio sempre di provare su diverse profondità o alzare ed abbassare l’inganno a seconda di bollate o di possibili avvistamenti e/o movimenti.

Dopo aver scrutato la superficie dell’ acqua e localizzato attività del pesce a galla, tramite salti e bollate, si può iniziare la pasturazione.

Utilizzeremo sfarinati, arricchiti a piacimento di attrattori sia aminoacidici che cromatici-olfattivi. In questi casi adoro utilizzare il method di casa Golden line, “l’Explosive Mix”.

Lo tengo poco bagnato, in modo che scoppi nell’immediato impatto con la superficie. Questa pastura contenente pane belga, pellet precotti e macinati, cocco belga ed altre sostanze tostate è perfetta per questo tipo di pesca.

Inoltre per migliorarne ancora la potenziale attrazione inietto all’interno delle palle dello Slimer bianco al cocco per aumentare l’effetto macchia e per creare una nube cromatica bianca, mandando letteralmente in’euforia i pesci. L’aggiunta di Slimer Golden Line permette che le carpe vi pascolino in maniera prolungata. In più aggiungo anche un complesso aminoacido sempre di casa Golden Line: il “Golden Amino”.

Ai prodotti sopra citati aggiungo a piacimento fioccato di mais , farina di cocco e stiky wiky pellet (il pellet di casa Golden Line). Quest’ultimo ha la caratteristica di rilasciare gli oli contenuti al suo interno e di non sfarinare, continuando così a creare attrattività più a lungo.

Questo è tutto il necessario per creare al meglio una bella colonna attrattrice. Poi, a seconda dell’utilizzo o meno della fionda o lo sbomb, tengo il composto più o meno liquido. Spesso per comodità preferisco usare la fionda e bagno poco il composto come nel procedimento sopracitato.

Sul tipo di innesco ci si può sbizzarrire. Personalmente cerco sempre di creare un contrasto cromatico utilizzando un colore chiaro ed uno scuro, combinati, che renderanno più visibile il nostro tranello.

Adoro utilizzare le Poppy della linea Golden Line. Le troviamo in pratici barattoli contenenti diametri misti (20-15-10mm) per adattarsi ad ogni evenienza. Disponibili nei gusti mulberry, monster crab, banana, indian spice e bianchina.

Le loro colorazioni abbinate fra di loro oppure con spugnette colorate formeranno il contrasto che cerchiamo, portando così la carpa ad essere tradita dalla propria curiosità.

Per migliorare ulteriormente l’effetto “curiosità” spesso preparo precedentemente le piccoline palline da 10mm in scatoline, dippandole con dello Slimer. Una volta in acqua lo Slimer sarà rilasciato lentamente.

Il terminale è la parte più importante. Si deve costruire tenendo ben presente le abitudini della carpa. Quando si nutre sul fondale tende ad aspirare il cibo,  al contrario quando si trova a galla tende a mordicchiare quello che trova. Importante che la nostra esca rimanga il piu vicina possibile all’amo.

Entrando nello specifico riguardo al terminale meglio optare per ami di piccole dimensioni. Indispensabili quindi i nostri Blade n.8 ai quali faremo un Hair Rig molto corto oppure un D_Rig su cui andremo ad innescare le nostre esche.

A questi ami adoro abbinare i line-aligner adaptor. Si tratta di piccoli accessori in gomma che pescando a zig rig ci assicurano un’allamata perfetta all’interno della bocca. Ciò permette di pescare in tutta tranquilità, limitando di molto le allamate su altre parti del corpo delle nostre amate carpette.

Questo tipo di pesca è molto efficace ma va utilizzata con buon senso. Bisogna tenere presente che ci troveremo a pescare con un terminale molto lungo ed un piombo fisso sulla girella.

In fase di combattimento dovrete essere almeno in due per riuscire a guadinare in sicurezza il pesce.

In commercio esistono molti fili galleggianti adatti a questa tecnica, anche molto fini, tuttavia consiglio sempre per la salvaguardia del pesce di utilizzare diametri di filo almeno dello 0,30 mm per ridurre il rischio di rotture.

Luca Chiabrera Tester Golden Line Carp