Trofeo Masini Girone 1 - Valdera Colmic vincitrice in Arno PESCA AL COLPO

Trofeo Masini Girone 1 – Valdera Colmic su tutte in Arno pisano


VALDERA COLMIC VINCE LA 3° TAPPA DEL TROFEO MASINI GIRONE 1 IN ARNO

Domenica 17 Luglio è stata una giornata che ha visto impegnate le ottanta squadre iscritte al Trofeo Masini 2016, il Campionato Regionale Toscana di pesca al colpo. Dopo le due prove tra Arno aretino ed Elsa, ci si è spostati verso il mare con protagonisti il Canale Scolmatore dell’Arno e lo stesso Arno pisano per la terza prova di questo campionato che vede le partecipanti divise in due gironi da quaranta squadre ciascuno. Mentre il Girone 2 era impegnato sul canale livornese, le quaranta squadre del Girone 1 sono state impegnate sull’Arno pisano, ai campi gara di Calcinaia Nuova, Vecchia, Fornacette e Castelfranco di Sotto. Come spesso accade in questo periodo caldo, il più importante fiume toscano ha regalato una giornata davvero pescosa ai 160 partecipanti, con i pesci gatto che hanno risposto più che ottimamente alle esche dei presenti. La pesca è stata molto simile sui due campi gara di Calcinaia con il tratto di Calcinaia Nuova che ha visto una impostazione leggermente più corta dove in molti picchetti si è pescato sulla distanza dei sei pezzi anche a causa dei tanti incagli sui picchetti sulla linea dei dieci metri. A Calcinaia Vecchia invece è stato possibile pescare più lungo, con la misura degli undici metri che l’ha fatta da padrona, con qualche ripiego corto nella parte finale di gara. Come spesso accade in questo periodo il fiume ha visto una corrente davvero lenta, a tratti quasi ferma a causa della diversa conformazione del letto del fiume. Diversa la situazione di Fornacette che ha visto la scelta da parte di molti di usare diverse grammature: dalle vele a venti grammi, a galleggianti leggeri a lasciar correre per cercare di insidiare i tanti e grossi cefali nell’ultima ora di gara. Castelfranco invece ha visto un misto fra 11 metri e sei pezzi di roubaisienne anche all’inizio della gara, con una discreta taglia di catture, in particolare pesci gatto fino a tre/quattro chilogrammi.  Da sottolineare l’assoluto di giornata di Gabriele Fabbri della Lenza Aglianese Colmic che sfrutta al massimo il primo picchetto di gara proprio a Castelfranco di Sotto pesando oltre quaranta chilogrammi di pesci gatto, catturati con una certa continuità nelle tre ore di gara. A senso unico la scelta delle esche su tutti i campi gara che è variata tra il classico fiocco di cagnotti alle famose “mamme”, i vermi di grossa dimensione, innescate su veri e propri uncini del 4 e del 2 con finali da almeno 0.25 mm. Una pesca davvero gravosa che però vede abituati molti dei pescatori toscani partecipanti al Trofeo Masini. Non a caso la vittoria di giornata ha visto salire sugli scudi i padroni di casa della Valdera Pontederese Colmic squadra A, che dopo le prime due difficili prove si riscattano con una prestazione da sole otto penalità. Alle loro spalle con undici penalità si è piazzata la SPSD Fario Trabucco e terza l’Oltrarno Colmic con 13 punti. A causa dello scivolone operato dalla Bellariva DLF Pontassieve Colmic che comandava la classifica dopo le prime due prove, ora la classifica progressiva vede in testa l’Oltrarno Colmic seguita dalla Fario Trabucco e proprio la Bellariva DLF Pontassieve Colmic. I ragazzi fiorentino sono saldamente in testa con 33 penalità contro le 38 della Fario e le 40 della precedente capoclassifica.




Da sottolineare l’immenso lavoro effettuato nella giornata di sabato dai giudici di gara Franco Lelli e Nicola Gildi che si sono “fatti in quattro” per pulire al meglio il campo gara di Calcinaia dalla presenza di folte macchie di erba sia sulla sponda che in acqua, come potete anche vedere dalla foto. Un lavoro non da poco che purtroppo in pochi hanno riconosciuto. Ora si passa all’ultima prova che vedrà ancora l’inversione dei campi gara con il Girone 1 che sarà impegnato allo Scolmatore e da cui si scopriranno le squadre che parteciperanno ai gironi di Play Off per salire in A3 e Play Out per evitare la retrocessione nei vari campionati provinciali.