Pesca alla spigola in bolognese PESCA MARE

Colmic Fiume XXT180 – Pesca alla spigola in bolognese


PESCA ALLA SPIGOLA IN BOLOGNESE – DANIELE MICCI E LA FIUME XXT 180

Una delle catture che si può sempre effettuare durante l’anno è sicuramente la spigola. In particolar modo in prossimità delle foci dei fiumi, essendo questa predatrice in continuo movimento. Nell’area romana uno dei più assidui pescatori di spigole è sicuramente Daniele Micci, uomo Colmic per la pesca in bolognese in mare. Ma ancora più in particolare, la pesca alla spigola in bolognese. Per Daniele il branzino non ha proprio segreti, specialmente nelle zone di mare calmo come nei porti. Il legame con l’azienda toscana era inevitabile considerando l’attenzione che Andrea Collini riserva per le acque salate ed i suoi abitanti.




Queste prime settimane dell’anno non sono mai state tra le più prolifiche, ma qualche pesce lo regala sempre. Sono due le canne che Daniele utilizza frequentemente in questo periodo, che sceglie a seconda della condizione di pesca tra porto e scogliera. Protagonista in questo caso è la Fiume XXT 180, un prodotto top di gamma che già fu presentato su Fishingmania qualche mese fa. In questo caso però, grazie all’aiuto di Daniele, la vediamo in azione con la pesca alla spigola.

Come già detto, la Fiume XXT 180 appartiene al top di gamma di casa Colmic. E’ una delle canne bolognesi tra le migliori per la pesca light in tutti gli ambienti: dal fiume al lago, fino al mare. E’ stata realizzata con una vetta di dimensione fine e leggera per avere massima sensibilità sul lancio. Allo stesso tempo però mantiene un’azione medio – rigida, con casting massimo da 18 grammi, per un utilizzo con fili sottili. Poste in acque interne, è la canna ideale per la pesca del cavedano e del barbo italico. Due ciprinidi che si pescano sempre con grammature leggere, lenze aperte e finali molto sottili.

In mare quel pesce che chiede le stesse attenzioni è la spigola. Ecco spiegato il motivo per cui questa versione di “Fiume” Colmic è consigliata da Daniele Micci per la pesca alla spigola il mare. Porti, foci ed anche dalle scogliere per la possibilità di utilizzarla in condizioni di acque profonde. Da un certo punto di vista potremmo definire la Fiume XXT 180 una canna a bolognese molto versatile per la possibilità di utilizzarla allo stesso tempo con pesi da un grammo o da dieci grammi. Ed anche per la possibilità di utilizzo anche di finali fino a 016 mm.

Ideale per la pesca light ed anche molto leggera di peso. La pesca in bolognese prevede normalmente un’azione da effettuarsi in piedi. Il peso ridotto permette di tenerla in mano per ore senza stancarsi. Presenta un’azione rotonda, ovvero scarica la tensione in modo continuo e parabolico verso i pezzi sottostanti più grandi. La Fiume presenta un’ottima riserva di potenza, permettendo di contrastare le fughe delle catture di taglia maggiore. A detta dei tanti che l’hanno provata e la stanno ancora usando, una vera garanzia di prodotto.

Di seguito il breve racconto di Daniele Micci in occasione di una sua sessione di pesca a spigole. In questo caso spiegherà qualche nozione in più su come affrontare la pescata con profondità, grammature e tipologia di lenza.

In questa pescata specifica con vento forte e mare molto mosso si è optato per una pesca all’interno di una insenatura della scogliera. Una pesca effettuata nell’immediato sottoriva, calando la lenza a pochi metri di distanza e proseguendo con una passata breve e leggera. Una zona in cui l’azione della risacca si attenua, creando una leggera corrente verso il largo. Condizioni ottimali per questa tipologia di pesca. Fondamentale la scelta di usare una otto metri per avere maggiore potenza in caso di catture ed evitare che vadano a rifugiarsi negli scogli.

Fondamentale la pasturazione per ottenere dei risultati. Pasturazione costante con pochi bigattini alla volta (circa una decina) lanciati sotto i piedi. In questo modo viene a crearsi una scia di pastura che mantiene il pesce in frenesia. Il fondale presenta circa un paio di metri di profondità e dopo aver analizzato approfonditamente lo spot, con tutte le condizioni di acqua, corrente e fondale, ho optato per l’utilizzo di alcuni articoli in particolare.

Un galleggiante da un grammo e mezzo della linea Poseidon. Questo galleggiante Colmic non solo è a filo passante, ma presenta un’astina di grosse dimensioni per una migliore visibilità. La montatura è stata composta da una spallinata di circa 60/70 centimetri, con piombatura a scalare usando pallini di dimensione dal 10 al 7. A chiudere un bulk di tre pallini del 6. Terminale variabile tra 0.10 e 0.12 mm del Riverge ed amo Nuclear N900. Importante sottolineare la scelta dell’amo. Al modello N900 di Colmic sono particolarmente legato per le sue caratteristiche che diminuiscono la percentuale di pesce slamato. Gambo lungo, ma sopratutto molto resistente. Ideale sia per l’innesco dei bigattini, due in questo caso, sia per esche più voluminose come la cozza o altri “muscoli”.

La Fiume XXT180 è reperibile o ordinabile presso i seguenti punti vendita :

Mondo Pesca Piacenza – CLICCA QUI

Esca & Pesca Sport a Muggiò – CLICCA QUI

Todeschini – CLICCA QUI

Frigerio Pesca a Cesano Maderno – CLICCA QUI

Ranzato Pesca Sport – CLICCA QUI

Acqua Azzurra a Villanterio e sul negozio online www.acquaazzurranews.it – CLICCA QUI

New Moby Dick Pesca Sport a San Giuliano Milanese – CLICCA QUI

PescaProject a Campobasso – CLICCA QUI

Fish Project a Chioggia – CLICCA QUI

Per Fishingmania – Daniele Micci